"Niente Tari per tre anni a chi apre un’attività"

Ampliato lo sgravio che finora arrivava a un taglio del 60 per cento. Lo scopo è incentivare nuovi imprenditori e rivitalizzare il territorio. .

"Niente Tari per tre anni  a chi apre un’attività"

"Niente Tari per tre anni a chi apre un’attività"

Un’esenzione dalla Tari, la tassa sui rifiuti, a favore di nuove attività imprenditoriali, per i primi tre anni. La novità si deve al Comune di Galliera. E lo scopo è quello di incentivare l’apertura di nuove attività imprenditoriali e di favorire l’occupazione. L’amministrazione comunale, infatti, ha predisposto un’esenzione dalla tassa rifiuti a favore di ha in animo di avviare nuove imprese commerciali con sede operativa nel territorio del comune.

"La nostra – spiega il sindaco Stefano Zanni -, è una iniziativa che vuole essere di aiuto e dare sostegno a tutti coloro che intendono aprire o hanno già aperto nel 2023 una nuova attività in paese. E, per favorire questo sviluppo, portiamo l’esenzione per la Tari da due anni a tre anni". A parere del primo cittadino l’attività imprenditoriale del territorio comunale è stata fortemente penalizzata negli anni, anzitutto per scelte sbagliate in precedenza e per l’assenza di un piano di crescita complessiva del territorio. A questo si sono aggiunti, aggravando la situazione, il periodo di lockdown prima e la crisi globale dopo. Tutto ciò ha così peggiorato ancor di più la già critica situazione economica.

"L’amministrazione comunale – prosegue il sindaco - ha ritenuto opportuno incrementare le annualità di esenzione della Tari a sostegno degli imprenditori - senza limiti di età - che diano vita, anche insieme ad altri imprenditori, ad una nuova impresa commerciale nel corso di quest’anno. Ma anche negli anni a venire visto che l’esenzione dell’imposta Tari è totale per i primi 3 anni di vita dell’impresa". A parere del primo cittadino, con questa misura si va in continuità con quanto avviato nel corso del 2021. In quell’anno si era proceduto applicando uno sgravio dal 30% fino al 60% alle imprese (complessivamente 66.000 euro).

"Il tessuto commerciale – sottolinea ancora Zanni - va profondamente sostenuto e rivitalizzato, la fase depressiva in cui da anni ormai verte il commercio di Galliera necessita di una cura che difficilmente potrà dare i propri benefici prima di alcuni anni. Ma l’amministrazione comunale continua e continuerà a fare tutto ciò che è nelle sue possibilità per dare nuova linfa a questo fondamentale pilastro per la nostra comunità". E il sindaco aggiunge: "Una misura di politica attiva, ed un contributo dell’ente per chi decide di credere nella comunità e produrre economia ed allo stesso tempo occupazione".

Pier Luigi Trombetta