Bologna, Hera raccoglie la spazzatura della Piazzola in piazza VIII Agosto (FotoSchicchi)
Bologna, Hera raccoglie la spazzatura della Piazzola in piazza VIII Agosto (FotoSchicchi)

Bologna, 8 ottobre 2019 – Sarà probabilmente individuato un punto di raccolta unico, quasi sicuramente in piazza VIII Agosto, per superare il problema dell’abbandono di rifiuti al termine del mercato della Piazzola. Dovrebbe essere questo il punto di caduta, dopo che già da tempo l’assessore Alberto Aitini e i rappresentanti degli ambulanti sono al tavolo per risolvere la questione. Riportata al centro, due sere fa, da un post su Facebook dello stesso Aitini, che si è detto colpito da quanto visto sabato sera. «Per me è inaccettabile continuare a vedere tutti i rifiuti abbandonati per terra con Hera che ci mette ore a pulire tutto – ha attaccato Aitini –. Anche gli ambulanti devono impegnarsi a raccogliere i rifiuti che producono. Presto partiamo con un nuovo metodo, bisogna cambiare».

Il nuovo metodo a cui allude Aitini sarebbequello del raggruppamento a cielo aperto in un unico punto dei rifiuti, possibilmente già differenziati, con Hera (nessuna polemica da parte di Aitini con la multiutility) che poi raccoglierebbe il tutto. L’altra ipotesi in campo, meno probabile ma non tramontata, sarebbe quella della consegna agli ambulanti dei sacchi della differenziata, che poi dovrebbero conferire i sacchi all’interno di nuovi bidoni per carta, plastica e organico sparsi per piazza VIII Agosto e Montagnola. A questo proposito Aitini è chiaro: «Hera in Piazzola lavora sempre bene, sentirò i rappresentanti delle associazioni di categoria e domani (oggi, ndr) continueremo a lavorare in Comune per trovare una soluzione che presenteremo nei prossimi giorni».

Il confronto, come ricordato dall’assessore, proseguirà in questi giorni con le associazioni di categoria, che confermano che sul decoro della Piazzola si sta per trovare la quadra. «Per la verità, gli ambulanti associati si organizzano già bene nel conferire i rifiuti al termine della giornata – spiega Manuela Pizzirani, referente per Anva-Confesercenti –, sono altre attività slegate che hanno un’altra mentalità. Detto questo, la situazione è sicuramente da migliorare e lo scambio di idee con il Comune c’è già da tempo. Quella della raccolta differenziata con bidoni dedicati potrebbe essere una strada, non l’unica però. Credo che davvero a breve – sottolinea la Pizzirani – dovrebbero esserci novità sulla raccolta di quei rifiuti in Piazzola». Sulla stessa lunghezza d’onda Chiara Raspanti di Fiva-Ascom. «Stiamo lavorando da tempo con l’amministrazione per trovare una soluzione, è un problema significativo, difficile da controllare – ammette la Raspanti –, spesso ci si mette anche il vento. La differenziata la si faceva già anni addietro, poi è stata interrotta e non è l’unica ipotesi sul tavolo. Vediamo, di certo non è solo colpa degli operatori, i quali devono essere messi nelle condizioni di lavorare al meglio».

Sul tema è intervenuta sempre su Facebook la consigliera leghista Francesca Scarano. «Non capisco proprio – scrive la Scarano in una nota – perché si voglia minare del tutto un rapporto già da tempo incancrenito. Mi riferisco alle lamentele dell’assessore Aitini per i rifiuti presenti in p iazza VIII Agosto dopo il mercato della Piazzola. Se ci sono rifiuti che complicano e prolungano gli interventi di Hera – incalza la Scarano – la responsabilità è semplicemente dell’amministrazione stessa, che non sa organizzarsi con Hera».