Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
31 mag 2022

Terme in rimonta dopo l’anno nero Utenti in crescita e pareggio vicino

Approvato dall’assemblea il bilancio del 2021 con una chiara tendenza al recupero dei numeri 2019

31 mag 2022
L’Ad delle Terme Stefano Iseppi
L’Ad delle Terme Stefano Iseppi
L’Ad delle Terme Stefano Iseppi
L’Ad delle Terme Stefano Iseppi
L’Ad delle Terme Stefano Iseppi
L’Ad delle Terme Stefano Iseppi

La rimonta delle Terme di Castel San Pietro. Pur condizionato dalla pandemia, lo stabilimento castellano ha fatto segnare nel 2021 un bilancio di esercizio che vede un recupero importante rispetto all’annus horribilis 2020. Ad addentrarsi nell’analisi del bilancio appena approvato è l’amministratore delegato Stefano Iseppi a margine dell’assemblea dei soci di Terme di Castel San Pietro, società soggetta alla direzione e coordinamento di Anusca Srl.

"Nonostante un afflusso limitato e controllato fino a inizio estate del 2021, è stato mantenuto l’impegno dell’azienda nel mantenere tutti i livelli occupazionali, incluso quelli dei lavoratori stagionali, così come sono continuati gli investimenti, per circa 300.000 euro, dedicati al miglioramento degli impianti – è la prima precisazione di Iseppi –. Fra questi, le tecnologie a servizio del reparto fanghi termali. Importanti poi gli interventi di riduzione dei consumi energetici, per i quali le Terme si sono attivate da anni, con oculate politiche di acquisto di energia e impianti di cogenerazione, riuscendo così a reggere per il momento l’urto dell’enorme aumento dei costi".

Tradotto in numeri, il bilancio dello stabilimento castellano vede i pazienti nel 2021 aver raggiunto quota 7.684 contro i 5.500 dell’anno precedente. Il dato segna un +26% rispetto al 2020, ma ancora al di sotto del totale dei 10.675 del 2019, una differenza che però mostra un costante trend in aumento fin dal secondo semestre 2021 anche grazie al Bonus Terme. Il bilancio 2021 chiude con 1.903.000 euro di ricavi totali, ossia con un +27% sul 2020 (-28% rispetto al 2019) con un Ebitda (margine operativo lordo) che si assesta a +19,92% (379.000 euro), percentuale in linea con i bilanci pre-pandemia e una perdita assai contenuta rispetto all’esercizio precedente. Nell’occasione dell’approvazione del bilancio, sono state anche rinnovate le cariche sociali con la conferma del Consiglio di amministrazione: Corrado Zaccaria, presidente; Renato Alberici, vicepresidente; Stefano Iseppi, amministratore delegato, e del Collegio dei revisori.

c. b.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?