La protesta dell'associazione Andromeda
La protesta dell'associazione Andromeda

MOnterenzio (Bologna), 25 aprile 2019 - Solo una targa con tre numeri. Non una foto, non una data, nessun simbolo religioso. Di Claudio Mazzucchi residente a Monterenzio, sepolto in terra alla Certosa di Bologna dopo 18 giorni dalla sua morte avvenuta lo scorso 11 marzo, resta solo questo. E adesso i volontari dell’associazione Andromeda che si sono occupati della situazione di Claudio Mazzucchi anche quando era in vita e insieme alla moglie Daniela Zucchini vivevano senza una fissa dimora nel centro di Bologna, in via D’Azeglio, non demordono affinché possa essere restituita la dignità al defunto.

«Abbiamo chiesto ad alcuni impiegati del cimitero e ci è stato risposto che questo era quanto previsto dal comune di Monterenzio – sostiene il presidente di Andromeda Enrico Paolo Raia - . E questo per noi è davvero sconcertante. Come associazione abbiamo deciso così di farci carico dei costi della targa e della foto che faremo fare. Anche per consentire alla moglie di portare un fiore su una tomba che sia dignitosa».

Claudio Mazzucchi, malato da tempo, ha dovuto attendere più di due settimane prima di ottenere la sepoltura alla Certosa di Bologna. Nel mezzo, i tempi necessari – aveva spiegato il comune di Monterenzio, dove entrambi i coniugi erano residenti – per completare le procedure burocratiche per provvedere alla sepoltura, i cui costi a fronte dell’indigenza della coppia sono stati sostenuti dall’amministrazione comunale. Oltre a stigmatizzare il modo con cui è stata data sepoltura a Claudio Mazzucchi, l’associazione punta anche l’indice verso le condizioni abitative della vedova Daniela, disabile e, sostengono i volontari, costretta a vivere in condizioni inadeguate alle sue esigenze in via dello Scalo a Bologna. «Doveva essere una sistemazione provvisoria è invece è ancora qui – prosegue Raia - . Terremo monitorata la situazione, affinché i servizi sociali di Monterenzio intervengano al più presto per risolverla».