Ibrahimovic e il diesse Bigon
Ibrahimovic e il diesse Bigon

Bologna, 16 novembre 2019 - “Skov Olsen ha dimostrato anche ieri sera con la sua Nazionale di avere talento, sono contento per i 3 gol bellissimi che ha segnato e che speriamo gli diano fiducia”. E’ Riccardo Bigon che parla, intervistato da Sky, con il direttore sportivo che nella giornata di oggi ha toccato parecchi temi tra cui quello riguardante i nazionali, con il danese classe 1999 che ieri ha siglato una tripletta con l’Under 21. E su Orsolini ha detto: “La sua prima convocazione con l’Italia deve essere un orgoglio per tutti noi, anche se non ha giocato”.

Questo invece il pensiero di Bigon sul mercato di riparazione e sulla suggestione Ibrahimovic: “Manca un mese e mezzo all’apertura del calciomercato, Ibrahimovic e il mister, come già detto, hanno un rapporto personale molto forte, si sono sentiti. Lui ha manifestato un’apertura all’idea di venire a Bologna, ma adesso si prenderà del tempo, dopo avere annunciato l’addio alla Mls, per valutare tutte le possibilità sul suo futuro. Noi siamo molto affascinati da questa situazione, ma è chiaro che non la controlliamo al 100%, la scelta è esclusivamente del calciatore, noi aspettiamo ed in caso siamo pronti e più che positivi”.

LEGGI ANCHE "Verrei per Sinisa"

Poi la chiusura dell'intervista dedicata al momento che sta vivendo il Bologna: "Siamo arrivati alla partita con il Sassuolo con tante belle prestazioni alle spalle ma pochi punti raccolti - spiega il ds -, sicuramente ci aspettavamo di più. In serie A oltre al bel gioco ci vuole un po’ più di concretezza, è questo l’aspetto che dobbiamo ricercare ora”.

Assieme a Bigon intervistati anche Andrea Poli e Mattia Bani, con il centrocampista che ha così espresso il suo parere sul periodo dei rossoblù: "La sosta ci è utile, veniamo da 3 sconfitte ma sicuramente vogliamo invertire il trend a partire da domenica contro il Parma, partita molto importante. Tante volte siamo arrivati vicinissimi a ottenere i tre punti, questo dimostra che dobbiamo lavorare di più sui dettagli, che in serie A fanno sempre la differenza”.

Rapporto molto stretto quello tra Mihajlovic e la squadra, con i primi lamenti che si sono alzati al termine della sconfitta contro il Sassuolo: “Il mister ed il suo staff ci hanno permesso di svoltare da quando sono arrivati. Ora l’assenza di Mihajlovic non deve essere un alibi, portiamo sempre avanti la mentalità che lo contraddistingue. È sicuramente una stagione un po’ anomala, ma siamo determinati e molto concentrati sui nostri obiettivi”.

Si è maggiormente concentrato sul reparto difensivo, invece, Mattia Bani, che contro il Parma mancherà per squalifica (a tal proposito buone notizie dall’allenamento di oggi, con Tomiyasu che è tornato regolarmente in gruppo nella seduta atletica sostenuta a Casteldebole): “In difesa siamo tutti di nazionalità diverse ma i ragazzi stranieri si stanno integrando molto bene, imparando l’italiano così da poter comunicare in campo e in spogliatoio. Purtroppo la prossima partita sarò fuori per squalifica insieme a Danilo ma sono sicuro che i nostri compagni saranno pronti domenica, in un match assolutamente da vincere contro un Parma che anche in questa stagione è partito bene”.