Matilda De Angelis ed Elio Germano nell’Incredibile storia dell’Isola delle Rose
Matilda De Angelis ed Elio Germano nell’Incredibile storia dell’Isola delle Rose

Bologna, 18 giugno 2021 - Una sera Fantozzi di Salce, la sera dopo il West di Sergio Leone per un omaggio a Morricone, una sera In the Mood for Love di Wong Kar Wai, la sera dopo Il cielo può attendere di Lubitsch… a ritroso fino al 1943. E’ un cinema ideale, come al solito, quello che si apre sotto le stelle di piazza Maggiore dal 21 giugno al 14 agosto (per 52 serate) e che parallelamente sceglie il cielo della Lunetta Gamberini e del quartiere Santo Stefano come seconda arena (LunettArena), portando avanti la novità lanciata lo scorso anno al centro sportivo della Barca del secondo schermo: nel centro di Bologna verranno accolte 1000 persone, nel verde della periferia i posti saranno 750.

I film da non perdere e il programma completo

‘Sotto le stelle del cinema’ ce la fa anche quest’anno a essere presente, inaugurando con un film girato in parte anche a Bologna che vedrà la presenza di un’attrice locale diventata star internazionale, ovvero Matilda De Angelis (quindi una sorta di madrina), sotto le stelle lunedì prossimo per presentare L’incredibile storia dell’Isola delle Rose di Sydney Sibilia, serata sostenuta da Hera, sponsor attivissimo dell’estate, che le è valso un David di Donatello come Attrice non protagonista. Che arrivi questa pellicola sullo schermo è anche un evento, perché fino ad ora si è visto solo sulle piattaforme digitali.
 

Ma questa sorte è toccata anche a Gli Indifferenti di Leonardo Guerra Seràgnoli (12 luglio), tratto da Alberto Moravia e in parte a Volevo nascondermi di Diritti che il 25 giugno sarà in piazza con il produttore Degli Esposti. Come già succede all’Arena Puccini, anche in questo contesto l’attenzione al cinema italiano è particolare, non solo con i titoli più recenti ma anche con i restauri di film non lontanissimi nel tempo, eppure già nuovi classici, dei quali si vedranno in prima assoluta i restauri: lo stracult Febbre da cavallo di Steno (da cui è tratta l’immagine di Gigi Proietti per la locandina della manifestazione), presentato dal figlio e co-sceneggiatore Enrico Vanzina (13 luglio) e Il Toro di Carlo Mazzacurati con Diego Abatantuono , che si spera sia presente per introdurlo il 14 luglio.
 

Ancora Ferie d’agosto di Paolo Virzì , presente il 15 luglio e Lamerica di Gianni Amelio , in città il 30 luglio. Ogni serata della rassegna curata dalla Cineteca, che omaggia Giulietta Masina, Meryl Streep, Gigi Proietti, Ennio Morricone e Valentina Pedicini, la regista di Faith scomparsa lo scorso anno, è stata "adottata" da uno sponsor, accadimento senza precedenti, e martedì 22, sarà la Fondazione Mast a prendersi cura della proiezione Quando eravamo Re di Leon Gast, che ricostruisce le ore precedenti all’incontro per il titolo mondiale nel 1974, a Kinshasa nello Zaire, tra il campione dei pesi massimi George Foreman e lo sfidante Mohammed Alì. Come prendere parte all’appuntamento cult dell’estate? L’accesso alle proiezioni in area delimitata è gratuito e si prenotano sul sito www.cinetecadibologna.it al massimo 4 posti a sera.

Si potrà prenotare un numero di biglietti anche senza accedere al sistema online, ritirando quelli disponibili e sempre gratuiti, agli sportelli di Bologna Welcome, sotto al Voltone di Palazzo del Podestà. C’è la possibilità di disdire la prenotazione. In caso di mancata disdetta e mancato ingresso per 3 volte, non sarà più possibile effettuare nuove prenotazioni e decadranno quelle in corso. Accesso alle sedute entro le 21,15, con mascherina.