Cournooh presentato dalla Virtus (Schicchi)
Cournooh presentato dalla Virtus (Schicchi)

Bologna, 19 luglio 2018 – Poche parole, tanti fatti. David Cournooh, nuovo esterno della Virtus Segafredo, è stato presentato questa mattina a tifosi e stampa alla palestra Porelli. A fare da padroni di casa il presidente Alberto Bucci e il direttore sportivo Marco Martelli che hanno presentato il giocatore nativo di Villafranca di Verona.

“Torniamo in Europa, vogliamo conquistare il cuore dei tifosi e sono convinto che la squadra ci metterà tutto per farlo” ha esordito Bucci, sicuro del grande feeling tra la Virtus e i suoi tifosi. A spiegare perché la scelta dei bianconeri sia andata proprio sul ventottenne (da compiere il prossimo 28 luglio) cresciuto nelle giovanili della Mens Sana Siena, è invece il ds Martelli.

LEGGI ANCHE Preso Cournooh

“Le motivazione della scelta di David sono state emotive e tecniche. Cournooh è già un giocatore esperto della serie A e che, anche dai colloqui che abbiamo avuto, è emersa la sua voglia di crescere e di fare un salto importante della sua carriera. Tecnicamente poi ha fisicità e grande applicazione al lavoro, caratteristiche per cui lo abbiamo scelto. Questo è il tipo di impostazione che abbiamo dato alle nostre scelte”.

Cournooh ha poi parlato e risposto alle domande dei giornalisti presenti.

“Sono felice di essere in Virtus, lo scorso anno sono venuto al PalaDozza da avversario con Cantù ed ho trovato un grandissimo pubblico, non vedo l'ora di giocare.

Perché la Virtus?

"Credo nel progetto e nell'organizzazione della società, dentro di me c'è grande voglio di crescere. Ovvio che l'idea di tornare a giocare una coppa è stato uno stimolo ulteriore”.

Ha parlato con Sacripanti?

“Già il giorno dopo volevo firmare, tanta era la voglia; onestamente non amo parlare molto e nemmeno fare proclami, ma una promessa la faccio da parte mia non mancherà mai sudore e impegno, preferisco rispondere sempre e comunque con i fatti".

Torna a Bologna dove era stato sull'altra sponda (stagione 2012-13 con la Biancoblù).

“Torno volentieri in città, ma non facciamo paragoni, adesso ho più esperienza, sono un giocatore diverso, ho 28 anni e sono qui per fare il salto di qualità”.

Ha influito nella sua scelta conoscere lo staff tecnico?

“Sacripanti l'ho avuto in nazionale Under 20, Griccioli a Siena, sapevo come lavoravano è ovvio che la mia scelta è dovuta anche alla loro conoscenza”.

Parla di salto di qualità, ma in cosa deve migliorare?

“Mi ritengo più una guardia, anche se spesso ho giocato anche da playmaker; devo cercare di gestire meglio la squadra e dettare ritmi ”.

La Virtus e l'Europa.

“Nelle competizioni europee ci tanti giocatori fisici, vediamo sarà bello misurarsi”.

Come vede la nuova Virtus?

“Qualcuno l'ho affrontato da avversario, ma non lo conosco personalmente, non vedo però l'ora di iniziare ad allenarmi con loro”.

Cosa le hanno chiesto Sacripanti e Griccioli?

“Di mettere in campo grande energia e di sfruttare le mie caratteristiche, uno contro uno e in difesa”.

Cournooh, religiosissimo, ha scelto di giocare con la maglia della Virtus numero 25.