Lavori sull'e45
Lavori sull'e45

Cesena, 19 giugno 2019 - Il viadotto Puleto rimarrà interdetto ai camion almeno per un altro mese. Questo è quanto è detto dal procuratore di Arezzo Roberto Rossi ai sindaci della val Tiberina e a Marco Baccini, primo cittadino di Bagno di Romagna. Un esposto del comitato E45Punto2, nel frattempo, raccontano un’altra realtà: sul viadotto transitano, trasgredendo, anche mezzi superiori alle 3,5 tonnellate condotti da autotrasportatori esausti dalla situazione, la stessa che si ripete da cinque mesi, e che li obbliga a lunghe, costose ed estenuanti deviazioni per bypassare un ponte di una manciata di chilometri. Oltraggiati anche i limiti di velocità disposti a 40 chilometri orari, per un totale di un centinaio di multe già elevate dalla stradale.

LEGGI ANCHE E45, manifestazione di protesta a Verghereto. "Non ci abbandonate"

Il nostro viaggio inizia da qui e si protrae fino a Cesena, per una strada che, Puleto a parte, è a doppia faccia: in parte ha un manto nuovo di zecca e in parte è dissestata e disseminata di cantieri e chiusure di svincoli, a volte non perfettamente annunciati. È il caso dell’imbocco dell’autostrada Cesena Nord, che sta dando parecchi grattacapi ai tanti cesenati che lo utilizzano. Facile confondersi: da San Carlo un cartello con sfondo arancio recita: ‘Uscita Cesena Nord chiusa per lavori’. Qualche chilometro dopo, nei pressi dell’uscita per San Vittore, un altro cartello indica che è chiusa Cesena Sud, ovvero l’uscita di Borgo Paglia. Chi va in centro deve ricordarsi di uscire immediatamente a San Vittore, altrimenti il percorso si allunga fino alla Secante. Uscire prima infatti, sarebbe impossibile visto che proseguendo in direzione Ravenna, all’altezza di Borgo Paglia inizia il cantiere dei lavori di rifacimento del manto stradale, che obbliga a spostarsi nella corsia opposta per 4 chilometri.

 false

Così anche lo svincolo di Cesena Ovest, che consente di raggiungere la via Emilia per recarsi a Forlì, rimane alla nostra destra, aldilà dello spartitraffico. Irraggiungibile. La segnalazione c’è ed è a San Vittore dove si indica anche il percorso alternativo: l’uscita Secante. Poco prima di rincanalarsi a destra, altri cartelli ripetono che l’uscita per l’A14 è chiusa, quindi si consiglia sempre la tangenziale, l’unica soluzione rimasta se non si vuole arrivare accidentalmente a Casemurate, come è successo a moltissimi, leggendo post e commenti inviperiti su Facebook.

Gli utenti si lamentano soprattutto per la carenza di informazioni prima di intraprendere la Secante, scoprendo all’ultimo che nel tratto in cui c’è lo svincolo di Cesena Nord sono in corso lavori. Non sono pochi, si legge, gli automobilisti che trovandosi in questa condizione hanno optato per un’azzardata, folle e vietata inversione a U. Prendendo la strada statale da via Togliatti il cartello che dà comunicazione della chiusura è all’ingresso, ma per chi ha una svista non ci sono altre indicazioni. Immettendosi dal centro commerciale Montefiore invece, l’automobilista è ignaro fino a dopo l’uscita per Cervia, utilissima per allacciarsi all’autostrada direttamente dal casello di Cesena Sud. Sempre più difficile.