Bollettino Coronavirus 27 maggio: zero nuovi contagi nelle Marche (Foto Germogli)
Bollettino Coronavirus 27 maggio: zero nuovi contagi nelle Marche (Foto Germogli)

Ancona, 27 maggio 2020 - Per l'Osservatorio sulla salute delle Regioni avremmo dovuto aspettare fine giugno; il traguardo, invece, è stato tagliato un mese prima: zero contagi da Coronavirus nelle ultime 24 ore. Le Marche finalmente sorridono. Il dato è stato comunicato dal Gores, il Gruppo Operativo per le emergenze sanitarie. I tamponi analizzati sono stati 1.250. I casi di Covid-19 dall'inizio dell'epidemia restano dunque 6.718.

L'aggiornamento del 28 maggio

Leggi anche Le regole delle spiagge libereIl virologo Silvestri: "Il lockdown rischia di fare più danni del virus" - Terme, piscine e rifugi: linee guida - Test sierologici, adesioni sotto il 25% - Bocelli: "Ho avuto il Coronavirus, ora dono il plasma"

L'esito di oggi è in linea con le previsioni dello studio effettuato dalla Regione Marche il mese scorso e pubblicato il 20 aprile, in base al quale si sarebbe dovuti arrivare “per l’intera regione allo zero alternato dei casi tra il 25 e il 30 maggio, cioè un mese prima rispetto alle previsioni nazionali”.

"Indicare per le Marche, come data 'minima di assenza' di nuovi casi di contagio prima il 26 giugno e successivamente il 23 giugno "non è stato un messaggio corretto ed era un dato profondamente sbagliato dal punto di vista tecnico". Lo ha detto il presidente Luca Ceriscioli rispondendo in videoconferenza alle domande dei giornalisti sulle previsioni dell'Osservatorio nazionale sulla salute nelle Regioni Italiane.

Nel giorno in cui non ci sono stati nuovi casi accertati di 'Covid-19', per la prima volta dal 2 febbraio scorso, quando fu individuato nel Pesarese il 'paziente uno', il governatore ha sottolineato che la stima è stata recentemente anticipata di 4 giorni, rispetto a "una prima data sparata" e di aver comunicato all'organismo che "la loro previsione era sballata" rispetto a quella della Regione Marche, che indicava la fine del mese di maggio: "Li ho avvisati che ce ne saremmo accorti presto e che il loro metodo era sbagliato". Secondo Ceriscioli, "i dati raccolti nelle Marche sono più accurati e hanno accompagnato la Regione durante tutta l'emergenza 'Covid-19'". "Negli ultimi tre mesi, la mia telefonata quotidiana era ai tecnici - ha aggiunto – e l'ho fatta anche questa mattina perché quelle curve ci servono per programmare". "Sballare la previsione - ha concluso Ceriscioli - significa dare un messaggio sballato a chi vuole venire in vacanza nelle Marche: siamo condizionati da queste indicazioni".

Un decesso nelle ultime 24 ore

È un 98enne di Recanati la 997esima vittima registrata nelle Marche da inizio pandemia coronavirus, l'unica nelle ultime 24ore. L'uomo, alle prese con
altre patologie pregresse, era ricoverato all'ospedale di Macerata. Il bilancio di vittime nella regione, riferisce il Gores, dà conto di 595 uomini e di 402 donne: 527 provenivano dalla provincia di Pesaro Urbino, 217 da quella di Ancona, 166 dalla provincia di Macerata, 66 da Fermo, 13 dall' Ascolano e otto persone erano residenti fuori regione. Finora l'età media dei deceduti, per il 94,8% alle prese anche con altre patologie preesistenti, è di 80,5 anni. 

Gi altri dati

Nelle ultime 24ore nelle Marche i ricoverati per coronavirus sono passati da 107 a 103: i degenti in terapia intensiva risultano due in più (da 12 a 14), stabili quelli in intensiva (13) mentre calano le persone assistite in reparti non intensivi (da 40 a 37) e in area post-acuti (da 42 a 37). In diminuzione anche il numero di persone ospitate in strutture territoriali (da 157 a 152). Contestualmente continuano ad aumentare i guariti/dimessi (da 4.147 a 4.272) e calano le persone positive in isolamento domiciliare (da 1.468 a 1.347). In tutto nelle Marche sono stati 6.718 i contagiati dal Covid-19 dall'inizio dell'emergenza epidemiologica. Sono 3.335 (1.287 con sintomi) quelli che hanno avuto contatti con contagiati e ora sono isolati in casa. Tra loro 345 operatori sanitari.

Riaprono i parchi divertimenti

Possono riprendere, nelle Marche, le attività delle professioni turistiche, dei parchi tematici, dei parchi divertimenti permanenti e degli spettacoli viaggianti. Lo stabilisce il decreto 181 approvato dal presidente della Regione, Luca Ceriscioli. Via libera dunque all’attività dei Parchi tematici, dei Parchi divertimenti permanenti (Parchi avventura, parchi acquatici, eccetera) e dei luna park.

Autorizzato anche l’esercizio delle attività delle professioni turistiche come guide turistiche, accompagnatori turistici, tecnici di comunicazione e marketing, guide naturalistiche, nonchè le professioni turistiche e gli accompagnatori cicloturistici. Tutte queste attività dovranno essere espletate secondo le previsioni normative e garantendo tutte le norme di sicurezza.