Bologna, 29 dicembre 2020 - Scende ancora la percentuale dei positivi al coronavirus sul numero dei tamponi processati: oggi solo il 4,6% è risultato malato di covid (ieri era già calato al 7,2%). E' una buona giornata per l'Emilia Romagna sul fronte della lotta al coronavirus, anzi: lo sarebbe stata se non si dovessero registrare ben 90 nuove vittime anche se 76 sono relativi al periodo 25-29 dicembre e 14 ai giorni 14-24 dicembre.

Coronavirus Italia, il bollettino con i contagi di oggi. Dati regione per regione

Per il resto, i dati sono tutti confortanti: 894 nuovi casi, di cui 421 asintomatici, su 19.303 tamponi. I pazienti in terapia intensiva sono uno in più di ieri (221) ma crollano quelli meno gravi: oggi 2.598, 43 in meno di ieri. L'età media è di 46 anni. Boom di casi a Cesena, dove si registrano 129 nuovi malati. Piacenza. Reggio e Modena superano di pochissimo i cento nuovi casi (104, 103 e 102): tutte le altre sono sotto. I casi attivi sono oggi 56.812 (1.484 in meno rispetto a ieri) e i guariti 2.288 più di ieri. 

Il bollettino covid in Italia

Aumenta invece in Italia il numero dei positivi: o sono 11.212 casi contro i 9.585 di ieri, ma con molti più tamponi, 128.740 (60mila in più di ieri). Il tasso di positività, quindi, scende all'8,7% (ieri era 12,5%). In aumento, però, i decessi, 659 oggi contro i 445 di ieri, ma pesano numerose notifiche arretrate giunte solo oggi dalle Regioni. Ancora in calo le terapie intensive: -16 oggi (ieri -15), che scendono a 2.549 e pure i ricoveri nei reparti ordinari: -270 (ieri +361), 23.662 in tutto. Per quanto riguarda la distribuzione regionale, si contano nelle ultime 24 ore 2.655 nuovi casi in Veneto, 1.218 nel Lazio e 995 in Sicilia.

Le vittime

Tornando ai numeri della regione Emilia Romagna, si registrano, purtroppo, 90 nuovi decessi, anche se 76 non sono delle ultime ore: 5 a Piacenza (due donne di 74 e 81 anni e tre uomini di 74, 85 e 90 anni); 5 a Parma (tre donne, una di 85 e due di 94 anni e due uomini di 82 e 83 anni); 5 in provincia di Reggio Emilia (due donne di 81 e 82 anni e tre uomini di 80, 82 e 93 anni); 6 a Modena (5 donne di 69, 82, 84, 90 e 91 anni e un uomo di 85 anni); 39 in provincia di Bologna (16 donne di 75, due di 84, 85, 86, due di 88, 89, 91, 92, due di 93, 94, due di 95, 98 anni e 24 uomini di 44, 55, 59, 68, due di 75, 76,  due di 78, due di 81, 82, due di 83, tre di 87, 88, 89, 90, due di 91, 96); 7 in provincia di Ferrara (quattro donnedi 74, 79, 82 e 85 anni e tre uomini di 72, 82 e 87 anni); 11 nel Ravennate (sei donne di 79, 81, 84, 85, 87 e 96 anni e sei uomini di 41, 68, due di 82, 89 e 91 anni ); 4 a Forlì-Cesena (tre donne nel forlivese di 83, 85 e 86 anni e un uomo del cesenate di 85 anni); 4 a Rimini (due donne di 61 e 99 anni e due maschi di 58 e 85 anni) e 3 da fuori Emilia-Romagna (una donna di 82 anni e due uomini di 61 e 68 anni).

I ricoveri per covid

Calano con decisione i ricoveri nei reparti non critici: sono oggi 2.598, 43 in meno di ieri. I malati gravissimi che hanno bisogno delle cure della terapia intensiva sono 221 (1 in più rispetto a ieri). Sul territorio, i pazienti ricoverati in terapia intensiva sono così distribuiti: 11 a Piacenza (-1 rispetto a ieri), 14 a Parma (+2 rispetto a ieri), 18 a Reggio Emilia (-1), 52 a Modena (+1), 46 a Bologna (-2), 11 nel territorio imolese (+2), 25 a Ferrara (invariato rispetto a ieri), 21 a Ravenna (+1), 4 a Forlì (invariato), 3 a Cesena (invariato) e 16 a Rimini (-1).

Sintomatici e asintomatici per provincia

Ecco come sono distribuiti gli 894 casi: 104 a Piacenza (di cui 54 sintomatici), 74 a Parma (di cui 53 sintomatici), 103 a Reggio Emilia (di cui 19 sintomatici), 102 Modena (di cui 64 sintomatici), 80 a Bologna (di cui 25 sintomatici), 36 casi nel territorio imolese (di cui 16 sintomatici), 39 a Ferrara (di cui 13 sintomatici), 93 a Ravenna (di cui 51 sintomatici), 45 a Forlì (di cui 37 sintomatici), 129 a Cesena (di cui 92 sintomatici) e 89 a Rimini (di cui 49 sintomatici). 

Coronavirus: le ultime notizie

Giorni zona arancione e zona rossa: il calendario

Vaccino Covid, Aifa: "Da ogni flaconcino 6 dosi". Preoccupano dati bassi di adesione

Riapertura palestre e piscine, Spadafora: "Possibile entro fine gennaio"