Il titolare aveva lo smartphone collegato con le telecamere interne. Da qui l’allerta
Il titolare aveva lo smartphone collegato con le telecamere interne. Da qui l’allerta

Fano, 7 marzo 2019 - Sapevano tutto. Luogo, momento, bottino da prendere. Avevano preparato il piano con grande meticolosità eccetto che per un particolare: non sapevano che le telecamere dello stabile erano collegate al telefonino del titolare. Grazie a queste, è sfumato all’ultimo secondo il saccheggio notturno al magazzino Orciani pelletterie in via La Malfa a Fano, zona industriale di Bellocchi. I ladri sono entrati in azione l’altra notte intorno alle 3, rubando prima un camion con muletto e poi forzando un deposito attiguo al magazzino Orciani. Una volta all’interno, hanno sfondato l’intercapedine col muletto aprendosi un varco sufficiente per spillare scatoloni di merce trasferendola dal magazzino al camion fatto entrare nel deposito a fianco.

Ma prima ancora di cominciare a caricare, era suonato l’allarme facendo accorrere la vigilanza notturna. Ma il vigilantes ha appurato che il cancello della Orciani pelletteria era ben chiuso, non c’erano luci o segni di forzature. Per questo ha ritenuto che fosse scattato un falso allarme. Che era scattato anche al cellulare del titolare Claudio Orciani. Il quale ha parlato col vigilantes invitando a guardare bene ma avuta assicurazione che era tutto chiuso, ha pensato davvero che fosse un falso allarme. Solo che alle 3 di notte è difficile riprendere sonno sapendo che è suonato un allarme in un tuo magazzino che contiene merce per centinaia di migliaia di euro. Così il titolare è rimasto con gli occhi ben aperti a guardare il suo smarphone collegato con le telecamere interne. Che per lungo tempo dopo il primo allarme non hanno dato segni di vita. Ma 15 minuti dopo circa, uno squarcio di luce ha illuminato l’interno del magazzino di Orciani con un muletto che caricava pacchi di oggetti in pelle. Così il titolare ha chiamato il 113 inviandolo a Bellocchi. Il tempo di arrivare in pochi minuti, e gli agenti hanno bloccato il camion dei ladri pronti a ripartire con un carico di refurtiva per un valore di 200mila euro.

Alla vista della polizia, i malviventi (almeno 3) hanno abbandonato tutto fuggendo via a piedi tra le vie vicine immerse nel buio. Intanto la merce è stata salvata e un furto dalle conseguenze sicuramente gravi per l’azienda è stato sventato. Le indagini della polizia, grazie anche alle immagini registrate, dovranno dare un nome agli autori del tentato furto ai danni sia della ditta Orciani sia dei proprietari di camion e muletto.