Il sindaco di Porto San Giorgio (foto Zeppilli)
Il sindaco di Porto San Giorgio (foto Zeppilli)

Porto San Giorgio (Fermo), 3 dicembre 2018 - ‘Molto rumore per nulla’ è il caso di dire a proposito delle polemiche che hanno accompagnato l’ipotesi dell’allestimento per il Natale della pista di ghiaccio sul viale Buozzi e gli ostacoli che vi si sono frapposti: la pista si farà proprio su quel viale e per farle posto non saranno trasferiti nelle vie adiacenti gli ambulanti che vi posteggiano. Auspice il clima natalizio, infatti, è stato siglato l’armistizio: gli ambulanti ritirano il ricorso al Tar contro lo spostamento e il sindaco Nicola Loira che aveva minacciato di resistere e assumere provvedimenti fa un passo indietro. La soluzione è stata così semplice che viene da chiedersi perché non vi si sia pensato prima: si è scoperto che pista di ghiaccio e ambulanti possono coesistere. Basta che questi ultimi arretrino di un metro le loro bancarelle. Certo il villaggio di Natale sarebbe stato più godibile se avesse potuto occupare il viale nella sua interezza, ma meglio accontentarsi che niente.

Nel caso il Tar avesse dato ragione agli ambulanti, infatti, sarebbe fallito il progetto dell’Amministrazione di concentrare le iniziative natalizie sul viale Buozzi e la pista di ghiaccio cancellata. Con il compromesso hanno salvato la faccia: l’Amministrazione potrà sviluppare il suo programma, gli ambulanti non si saranno resi responsabili del suo fallimento, che avrebbe potuto causare il risentimento dei sangiorgesi.

Il sindaco ha detto che ora troverà il modo di salvaguardare sempre all’uso pubblico gli spazi cittadini senza vincoli da parte di chicchessia, a cominciare dagli ambulanti. Lui è rimasto dispiaciuto perché mentre in altre città gli spostamenti dei posteggi per le manifestazioni avvengono senza problemi così non è stato a Porto San Giorgio. Forse però dovrebbe riconoscere di non aver agito per tempo né fatto di tutto per convincere gli operatori.

s. s.