Quotidiano Nazionale logo
10 mag 2022

Abbandono di rifiuti, denunciata un’azienda

I vigili hanno scoperto l’attività dietro lo smaltimento di spazzatura speciale. L’assessore: "I costi ambientali ricadano sulla comunità"

L’assessore Vito Salatiello
L’assessore Vito Salatiello
L’assessore Vito Salatiello

Se finora molti furbetti dell’abbandono dei rifiuti erano stati individuati e multati, arriva ora, invece un risultato ancor più forte che vede per la prima volta, diventare di rilevanza penale. Prosegue infatti, alacremente l’attività delle guardie volontarie di Agriambiente che, in collaborazione con la Polizia Locale di Cento e al sostegno della convenzione siglata con Clara Spa all’inizio del 2022, "Stanno riuscendo a identificare molti di coloro che sono stati protagonisti di episodi di inciviltà e se finora si è trattato di fare multe, l’ultima identificazione ha portato a una contestazione penale unitamente alla multa di oltre 2600 euro – dice l’assessore Vito Salatiello - Da mesi le guardie volontarie ritrovavano abbandonati in Via Maestra Monca Frazione di Renazzo ingenti quantitativi di rifiuti di sicura provenienza commerciale quindi rifiuti speciali". Materiale di risultanza da scarti di lavorazione artigianale che devono essere smaltiti secondo la legge "Grazie all’intensa attività di vigilanza e monitoraggio delle guardie nella zona, è stato possibile avviare proficue indagini durante il weekend del 23 e 24 aprile, da due guardie di turno – prosegue Salatiello - nell’arco della settimana successiva, la persona, individuata e ascoltata presso il comando di Polizia Locale, alla presenza del comandante e del dirigente delle Guardie Volontarie Vittorio Baccino, è stata denunciata per abbandono di rifiuti speciali, poiché derivanti dalla propria attività economica". Fanno dunque sapere che l’abbandono illecito di rifiuti da parte di attività commerciali si configura come reato e le conseguenze sono dunque più gravi rispetto alle sanzioni amministrative elevate per l’abbandono di rifiuti di privati.

"I costi ambientali di una errata gestione dei rifiuti, inoltre, ricadono su tutta la collettività, così come gli elevati costi di gestione – specifica Salatiello - Al fatto si aggiunga anche che l’abbandono da parte di attività economiche implica anche il trasporto non autorizzato del rifiuto, fatto testimoniato da segnalazioni di abbandoni avvenuti fuori comune rese dalla stessa persona". L’assessore, ringraziando le guardie volontarie Agriambiente e tutto il personale della Polizia Locale e ribadisce "l’importanza delle corrette azioni di gestione del rifiuto da parte delle aziende e sottolinea il grande costo economico della attività di rimozione degli abbandoni".

Laura Guerra

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?