Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
22 lug 2022
claudio castagnoli
Cronaca
22 lug 2022

Da Odessa al mare dei lidi Per la passione della vela

Il padre di tre ragazzi scrive al direttore sportivo del Circolo nautico Volano. Che dice sì con gioia alla richiesta, adesso fanno lezione gratis con le barche

22 lug 2022
claudio castagnoli
Cronaca
I tre ragazzi ucraini (a sinistra) al circolo nautico
I tre ragazzi ucraini (a sinistra) al circolo nautico
I tre ragazzi ucraini (a sinistra) al circolo nautico
I tre ragazzi ucraini (a sinistra) al circolo nautico
I tre ragazzi ucraini (a sinistra) al circolo nautico
I tre ragazzi ucraini (a sinistra) al circolo nautico

di Claudio Castagnoli

Quasi mezzo secolo sul mare, a spiegare come si apprende la nobile arte della vela, quella che ti fa accarezzare solo dal suono delle onde. Ma anche una bellissima dimostrazione di quella genuina solidarietà che nasce tra chi il mare lo ama. Da una vita. E’ la storia di Stefano Totti, 56 primavere, 40 delle quali trascorse sul mare. E’ il direttore sportivo del Circolo Nautico Volano, affiliato alla Federazione Italiana Vela. Ed è proprio lui a raccontare questa bella storia. "Un mese fa – comincia Totti – ricevetti una mail dall’Ucraina, pensavo fosse sfuggita allo Spam, e quindi non gli ho dato nessun peso. Leggendola – prosegue – mi sono accorta comunque che era quella di un signore ucraino che voleva fare vela con la sua famiglia. Mi sembrava in realtà la solita bufala e quindi di nuovo non vi ho dato alcun peso". Ma la vicenda era destinata ad andare avanti. "Dopo due settimane ricevetti delle telefonate, telefonate con il prefisso straniero – prosegue – ma non risposi temendo sempre di finire nel mirino di qualche truffatore. Ma quel signore ucraino non scherzava affatto e, decisamente testardo, si è presentato al nostra Circolo con tutta la sua famiglia. Era riuscito a rifugiarsi ad Arquà Polesine dalla zona del Donbass, tutti i suoi tre figli erano tesserati allo Yacht Club di Odessa". Tre ragazzoni, maglietta bianca occhiali e capelli lunghi, di 13, 16 e 17 anni. Il padre aveva chiesto se poteva, pagando, fare alcuni corsi di vela. Immediata e solidale è stata la risposta del direttore e di tutto il circolo. Abbiamo acconsentito". Ma non solo. Gli hanno donato le divise con i colori del sodalizio nautico e da giugno, tutti i sabati e per tre giorni alla settimana, fino alla fine di settembre avranno la possibilità di fare le lezioni gratis. "La nostra speranza e che questa guerra assurda, che lacera il cuore dell’Europa, finisca presto – dice ancora Totti – e chissà non si possa fare anche un gemellaggio proprio con Odessa". Il suo passato è contraddistinto dalla formazione di atleti con partecipazioni ed ottimi piazzamenti a campionati nazionali ed europei. La coppia, di vela ed anche di fatto, formata da Alessandra Mantovani e Roberto Vecchiatini è arrivata terza nel campionato italiano, che si è disputatto ad Ostia, nella classe Dart 18. Ma sono migliaia le ragazze ed i ragazzi che grazie a Stefano si sono appassionati a questa disciplina. "Una disciplina – sottolinea – che non inquina, ma rispetta il mare, che va sempre rispettato, perché noi siamo suoi ospiti, quando lo solchiamo". Ci tiene a precisare che oggi dirige un fantastico team di giovani, "tutti atleti nazionali", formato da Fabio Feggi, Michele Zonari, Federico Volpi, Lorenzo Franco e Pietro Ceruti. "Mettiamo in barca ragazzi dai sei anni fino a persone di 80 anni – conclude – il mare, se non lo rispetti ti prende, e siamo orgogliosi che su 750 scuole di vela in tutta Italia, il nostro Circolo vanta la 151esima posizione, davanti a realtà come Riccione, per fare un esempio, tutto grazie a tanta passione e impegno sempre". Claudio Castagnoli

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?