Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
4 ago 2022
4 ago 2022

"Pronto alla sfida delle urne Ripartire dalle imprese"

Il coordinatore di Forza Italia, Matteo Fornasini in pole per la candidatura "Io, a disposizione del territorio. Pd e Azione? Un’alleanza che mi aspettavo"

4 ago 2022
L’assessore al Bilancio, coordinatore provincale azzurro Matteo Fornasini
L’assessore al Bilancio, coordinatore provincale azzurro Matteo Fornasini
L’assessore al Bilancio, coordinatore provincale azzurro Matteo Fornasini
L’assessore al Bilancio, coordinatore provincale azzurro Matteo Fornasini
L’assessore al Bilancio, coordinatore provincale azzurro Matteo Fornasini
L’assessore al Bilancio, coordinatore provincale azzurro Matteo Fornasini

Il grande cantiere del centrodestra è al lavoro per rinsaldare l’elettorato moderato "deluso, in gran parte, dalla mossa di Calenda di allearsi col Pd". Compito, quello di serrare i ranghi, affidato per lo più a Forza Italia. Su questo è impegnato anche il coordinatore provinciale azzurro, Matteo Fornasini che, con ogni probabilità, sarà candidato nei collegi ferraresi. "Se la senatrice Anna Maria Bernini me lo chiederà – dice – io sarò a disposizione del partito, della coalizione ma, soprattutto, del territorio. Così come saranno a disposizione tutti i dirigenti del partito con i quali, negli ultimi giorni, si è avviato un confronto serrato per stabilire le direttrice sulle quali ci muoveremo durante questa brevissima campagna elettorale". Comunque, al di là dei risultati personali, l’obiettivo che Fornasini esprime è molto chiaro: "Mentre il centrosinistra è impegnato a spartirsi le poltrone e a fare ammucchiate con Calenda – così il coordinatore di FI – il centrodestra è al lavoro per la stesura di un programma che dia risposte alle emergenze del Paese, a partire dall’abbassamento delle tasse e del costo del lavoro a carico degli imprenditori. Forza Italia, su questi punti, è sempre stata in prima linea". Su questi due fronti, Fornasini non lesina un attacco proprio ai dem, anche a Ferrara. "Il Pd continua a essere il partito delle tasse – così l’assessore al Bilancio – : Letta come prima proposta ha infatti avanzato l’idea di istituire una tassa di successione sui grandi patrimoni. C’è, in questo, una linea di continuità con quanto accadde a Ferrara, durante le amministrazioni guidate da Tagliani". Facile, su questo terreno, una frecciata anche al calendiano estense, Alberto Bova. "Non mi meraviglia – incalza – che Azione si sia alleata col Pd. Anche a Ferrara, proprio quando si decise di aumentare le tasse ai cittadini, Bova fu uno dei più fervidi sostenitori di questa manovra". Malgrado la campagna elettorale sia destinata a entrare nel vivo verso la fine di agosto, già questo weekend "inizieremo con i banchetti in particolare nella zona costiera". Metodologicamente, professandosi "amico delle imprese", Fornasini ha intenzione di concentrare la campagna elettorale proprio "dialogando con le piccole e medie aziende, con gli artigiani, con gli industriali, con i commercianti e con gli agricoltori. Ossia coloro che costituiscono la spina dorsale del nostro Paese e del territorio". Oltre alla sua, non si sanno ancora per certi i nomi dei candidati che sfideranno le urne del 25 settembre. Anche se, spiega Fornasini, "cercheremo di individuare persone con esperienza amministrativa e dalla comprovata competenza".

re. fe.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?