Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
22 lug 2022
gabriele tassi
Cronaca
22 lug 2022

Furti nei cimiteri di Imola, tombe spogliate dei fregi

Da Linaro al Piratello, tante segnalazioni dei cittadini: sparite in particolare una cinquantina di borchie di ottone, dal valore di mille euro

22 lug 2022
gabriele tassi
Cronaca
featured image
Una delle lapidi a cui sono stati asportati gli ornamenti
featured image
Una delle lapidi a cui sono stati asportati gli ornamenti

Imola, 22 luglio 2022 -  Da quei sepolcri dimenticati dal tempo rubavano oro e monili preziosi. E, a distanza di secoli, ancora non è scomparsa l’avidità dei ‘ tombaroli ’: non portano più via oro, ma borchie e decorazioni da lapidi, gettando nello sconforto le famiglie di tanti defunti. Accade in diversi cimiteri imolesi: da quello di Linaro , fino al monumentale Piratello .

Furti nei cimiteri di Imola, arrivano le telecamere

Moltissime le segnalazioni da parte dei visitatori. C’è chi si è rivolto ai carabinieri, chi alla polizia locale, oppure direttamente ad AreaBlu, che da tempo ha in gestione le aree cimiteriali fra Imola, Medicina, Mordano e Castel Guelfo.

Dalle tombe spariscono gli ornamenti: fattura e metallo pregiato li rendono oggetti difficilmente rivendibili, così come sono. Ma una volta fuso, il loro materiale, solitamente ottone o rame, di questi tempi non è certo a buon mercato.

"Le prime segnalazioni le abbiamo avute dal cimitero di Linaro", spiega Francesco Gonfiantini, responsabile area gestione patrimonio cimiteri di Area Blu. "A sparire – prosegue – sono state una cinquantina di ‘borchie’ metalliche, vale a dire coperture estetiche per i dadi che tengono ferme le lapidi in marmo".

Non si tratta quindi di un caso isolato, ma di una vera e propria razzia di questo tipo di ornamenti composti da metallo pregiato, solitamente ottone. "Il loro valore, da nuovi – spiegano da un’agenzia di onoranze funebri imolese –, sfiora a volte anche i trenta euro".

Moltiplicando per la cinquantina di pezzi scomparsi solo a Linaro il conto è presto fatto: si va ben oltre il migliaio di euro.

Ma l’avidità dei tombaroli si è spinta anche all’interno del cimitero monumentale del Piratello, in particolare nel settore C, dove hanno puntato a qualcosa di decisamente più importante.

"Hanno staccato e rotto i vasi per i fiori – prosegue Gonfiantini –, probabilmente colpendoli con una mazza. Per svitarli bisogna rimuovere la lapide". Insomma, oltre al furto anche un danno consistente per una serie di sepolcri: in tutto una ventina, nella conta, quelli a cui sono spariti i vasi o le borchie, diverse anche le segnalazioni ‘sommerse’ dei cittadini, probabilmente non arrivate agli uffici della società o a quelli delle forze dell’ordine.

"Le famiglie sono molto dispiaciute – prosegue il responsabile -, non tanto per il danno economico, quanto per quello morale. Per quel che si potrà verremo loro incontro".

Già, perché pure i vasi in metallo da applicare sui marmi hanno prezzi che variano dai 100 euro a salire. Nel frattempo AreaBlu si è attivata, sporgendo denuncia all’ufficio di polizia locale. Non è la prima volta che sparisce qualcosa dal cimitero. Già anni fa, infatti, i ‘predoni’ si erano accaniti su grondaie in rame e altri ornamenti metallici.

 

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?