Quotidiano Nazionale logo
20 apr 2022

Niente più camion dentro Villa Musone

Approvato il progetto definitivo della bretella Squartabue. Bravi e Fiordomo soddisfatti. I residenti: salvare 14 alberi

La giunta recanatese ha approvato il progetto definitivo della nuova bretella stradale di collegamento tra la zona industriale di Castelfidardo e quella Squartabue di Recanati, in località Villa Musone. Il tratto della bretella ricadente nel territorio recanatese ha una lunghezza di 450 m, e una rotatoria dal diametro di 50 m. per un costo d’intervento pari a 995.000 euro, finanziato per 850.000 euro dalla Regione Marche nell’ambito degli investimenti per l’ampliamento ed il potenziamento delle infrastrutture stradali regionali, erogato dal ministero dell’Economia e delle Finanze. I restanti 145.000 euro verranno finanziati dal Comune di Recanati tramite un mutuo, per gli indennizzi di esproprio e le spese tecniche. Un costo previsto nel bilancio di previsione 2022-2024, annualità 2022, approvato dal Consiglio comunale nel dicembre 2021. L’opera, una volta realizzata, permetterà di decongestionare il traffico veicolare pesante dall’area abitata di Villa Musone. "Grazie alla costruzione della nuova bretella, infatti, - afferma il sindaco Antonio Bravi - verrà alleggerito il transito di mezzi pesanti e non, che creano difficoltà logistiche e imbottigliamenti del traffico, soprattutto nelle ore di punta. Un intervento reso possibile grazie ad un lavoro congiunto tra i Comuni di Loreto, Castelfidardo e le aree delle Province di Ancona e Macerata. Un’importante e complessa collaborazione istituzionale che ha dato il risultato che ci eravamo prefissati e che vedrà, come da crono programma, l’appalto dei lavori entro l’anno". Soddisfatto anche l’assessore ai Lavori pubblici, Francesco Fiordomo, che sottolinea come l’approvazione definitiva del progetto rappresenti "un ulteriore passo in avanti nel complesso percorso per la nuova bretella viaria di Villa Musone. Definita la parte urbanistica e le questioni con i privati interessati, ora abbiamo il progetto definitivo e possiamo acquisire il mutuo per la parte di competenza comunale che integra i fondi statali. Lavoriamo poi per la gara di appalto, consapevoli delle incertezze e delle enormi difficoltà del momento per il settore lavori pubblici, ed anche per quelli privati".

Non tutti i residenti però di Villa Musone sono d’accordo nella realizzazione di questa nuova arteria stradale, perché, affermano, l’opera comporterebbe l’abbattimento di 14 alberi di natura protetta ed andrebbe ad invadere 3 campi destinati all’agricoltura.

Antonio Tubaldi

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?