Unimc nel Centro di ricerca sulla pubblica utilità

L'Università di Macerata entra nel Centro di ricerca interuniversitario Crisp a Milano Bicocca, unendo competenze in diritto del lavoro e informatica. La collaborazione promuove la ricerca avanzata e l'innovazione nei servizi di pubblica utilità.

Unimc nel Centro di ricerca sulla pubblica utilità

Il professore Guido Canavesi.

Unimc entra a far parte del Centro di ricerca interuniversitario sui servizi di pubblica utilità, il Crisp, con sede all’università Milano Bicocca. Questa nuova collaborazione segna un momento significativo per l’ateneo maceratese, che si unisce ad altri prestigiosi istituti nel campo della ricerca scientifica e dell’innovazione, come le università di Milano, Udine, Bologna e l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. L’accordo coinvolge i Dipartimenti di Giurisprudenza e di Scienze politiche, della comunicazione e delle relazioni internazionali. I referenti dell’accordo, inseriti all’interno di un quadro interdisciplinare di collaborazione con gli altri atenei, sono i docenti Guido Canavesi per il settore del diritto del lavoro e Emanuele Frontoni per i settori che riguardano l’informatica e l’intelligenza artificiale. "L’ingresso del nostro ateneo nel Centro - dichiara Canavesi - rappresenta non solo un’opportunità di crescita e sviluppo, ma anche un arricchimento per il Centro stesso. L’apporto di nuove competenze, visioni e risorse contribuirà agli obiettivi comuni di ricerca avanzata e innovazione". Il Crisp, fondato nel 1997, si è affermato come un polo di eccellenza nella ricerca interdisciplinare, concentrando i suoi sforzi su studi di alto profilo nel settore dei servizi di pubblica utilità. Grazie a professori e ricercatori provenienti da sei atenei, il Centro ha consolidato la propria reputazione a livello nazionale e internazionale. Sviluppa ricerche, progetti e formazione nell’ambito della data science e del big data analytics. L’ambiente accademico multidisciplinare favorisce l’innovazione e la ricerca e offre programmi educativi mirati a fornire le competenze necessarie per la gestione e l’analisi di grandi volumi di dati.