FEDERICA GIERI SAMOGGIA
Cronaca

Borse di studio per futuri medici di famiglia: come fare la domanda di ammissione al concorso nelle Marche

Sono 155 le borse di studio per il prossimo triennio

Ancona, 9 agosto 2023- Da oggi è possibile inviare online (a questo link) le domande di ammissione al corso di medicina generale nelle Marche.  A disposizione ci sono 155 borse di studio per il triennio di formazione 2023-2026. Le domande potranno essere inoltrate fino alle ore 12 del 7 settembre 2023.

Futuri medici: nelle Marche 155 borse di studio
Futuri medici: nelle Marche 155 borse di studio

“Con largo anticipo rispetto a quanto comunicato – spiega il vicepresidente della Regione, Filippo Saltamartini nonché assessore alla Sanità -, è possibile iscriversi al concorso per accedere a una delle professioni essenziali per rafforzare la medicina territoriale. Dall’insediamento della Giunta Acquaroli, abbiamo progressivamente aumentato le borse, arrivando fino alle 155 attuali. Un incremento garantito negli anni proprio per rispondere alle esigenze di salute che provengono dalle comunità locali”. Il vicepresidente ricorda come “cento borse verranno finanziate direttamente dalla Regione Marche, con 3,7 milioni di euro del proprio bilancio. Saranno invece 34 quelle sovvenzionate dal Fondo sanitario nazionale, destinate alla formazione specifica in medicina generale e 21 quelle sostenute con le risorse del Pnrr (Piano nazionale di ripresa e resilienza)”.

Come e dove inviare la domanda

La domanda di ammissione (a seguito dell’avvenuta pubblicazione del concorso sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana) deve essere prodotta, a pena di irricevibilità, esclusivamente per via telematica, attraverso il sistema pubblico di identità digitale (Spid), la carta di identità elettronica (Cie) o la carta nazionale dei servizi (Csn), mediante l’applicazione informatica disponibile sul sito istituzionale della Regione Marche a questo linkLa compilazione della domanda potrà essere effettuata, 24 ore su 24, da qualsiasi dispositivo collegato alla rete internet e dotato di un browser di navigazione tra quelli di maggiore diffusione. Il sistema informatico rilascia il numero identificativo e la ricevuta di avvenuta iscrizione al concorso.

È onere del candidato verificare che il sistema abbia generato la ricevuta, completa di segnatura di protocollo (la ricevuta va scaricata dalla voce “storico documenti”), che la domanda generata non sia rimasta nella sezione di menu denominata “documenti da evadere” e che l’invio sia avvenuto entro il termine di scadenza di presentazione della domanda.

Le segnalazioni inviate nelle giornate festive o prefestive verranno evase nelle successive giornate lavorative.