Ancona, 18 giugno 2021 - Anche le Marche entrano in zona bianca. Nonostante la preoccupazione per la variante delta, i dati degli ultimi monitoraggi sono positivi. Soprattutto il dato dell'incidenza ha accompagnato la Regione verso il traguardo. L'incidenza della settimana dal 4 al 10 giugno è scesa a 28, dopo che la settimana prima era a 34. Servono tre settimane di incidenza al di sotto della soglia dei 50 casi ogni 100mila abitanti e con il dato della settimana in corso, il nuovo colore entrerà in vigore da lunedì 21 giugno, come stabilito dall'ordinanza firmata dal ministro Speranza.

Coronavirus Marche 18 giugno 2021: bollettino covid di oggi - Indice Rt stabile in Italia a 0,69. Emilia Romagna, Marche e Veneto a rischio basso

"Per la terza settimana consecutiva la nostra regione registra numeri del contagio da zona bianca - scrive su Facebook il presidente della Regione Marche, Francesco Acquaroli -. Sono infatti scesi a 11,9 i nuovi positivi settimanali ogni 100mila abitanti, il che ci conferma, come avevamo preannunciato, che da lunedì saremo finalmente in zona bianca".

Cosa cambia rispetto alla zona gialla? Ecco tutte le regole.

Zona bianca, il post di Acquaroli

Coprifuoco e spostamenti

Nella zona bianca viene abolito il coprifuoco, in questo modo ci si può spostare più liberamente in orario notturno. Dal 21 giugno il coprifuoco decade anche in zona gialla.

Chi si trova in zona bianca può andare verso altre località della zona bianca, senza limiti relativi agli orari o ai motivi dello spostamento. Non ci sono limiti di orario per andare verso tutto il territorio nazionale, se lo spostamento avviene per comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità o motivi di salute.

Per dirigersi in località della zona gialla, non è necessario giustificare il motivo, a patto che si rispettino le specifiche restrizioni relative agli spostamenti verso le altre abitazioni private abitate. 

Chi è in possesso di una 'certificazione verde Covid-19' valida può spostarsi verso tutto il territorio nazionale.

Amici e parenti: quando fare le visite

Si può far visita a parenti o amici, restando all’interno della stessa zona, senza limiti di orario o nel numero di persone che si spostano. Le visite nell’arco della stessa giornata in altre zone devono concludersi facendo rientro alla propria abitazione entro le ore 24.00.

Seconde case: quando raggiungerle

Si può sempre fare rientro alla propria seconda casa, se situata in zona bianca o gialla. Dalle zone bianca e gialla si può fare rientro alla propria seconda casa situata in zona arancione o rossa, se si può dimostrare di avere avuto titolo per recarsi nello stesso immobile prima del 14 gennaio 2021 o se si è in possesso di una 'certificazione verde Covid-19'.
L’immobile di destinazione deve essere disabitato e vi si possono spostare solo persone appartenenti allo stesso nucleo familiare convivente.

Spostamenti in auto

È possibile usare l'automobile con persone non conviventi, purché siano rispettate le seguenti misure di precauzione: presenza del solo guidatore nella parte anteriore della vettura e di due passeggeri al massimo per ciascuna ulteriore fila di sedili posteriori, con obbligo per tutti i passeggeri di indossare la mascherina.

Bar e ristoranti aperti

Aperti anche alla sera e al chiuso, senza limiti orari, i ristoranti e le altre attività di ristorazione. Si deve sempre osservare il distanziamento interpersonale e bisogna indossare la mascherina quando ci si sposta all'interno del locale. Sono consentite senza restrizioni anche la vendita con asporto di cibi e bevande e la consegna a domicilio.

Negozi e centri commerciali

Possibile lo shopping al weekend nei centri commerciali. Non ci sono regole che implicano la chiusura di certi negozi nei centri commerciali il sabato e la domenica o nei giorni festivi e prefestivi.

Palestre e piscine

Palestre e piscine al chiuso sono aperte già dal 1° giugno. Riaprono poi anche piscine termali, centri natatori e centri benessere e termali. Così come i parchi a tema, le sale gioco, i bingo e i casinò.

Feste di matrimonio

Via libera ai banchetti di nozze senza limiti numerici per le cerimonie. Gli ospiti dovranno però essere in possesso del 'green pass' che si ottiene una volta completato il ciclo vaccinale. Con l’ultimo decreto, ci sono anche altri modi per avere la certificazione verde. La si ottiene a 15 giorni dalla somministrazione della prima dose o con un certificato di avvenuta guarigione dal Covid-19 (che dura sei mesi). Se non si hanno questi documenti, serve un referto con risultato negativo di un tampone eseguito nelle 48 ore precedenti l’evento. Il green pass ha una validità di 9 mesi per chi ha completato il ciclo vaccinale.

Discoteche

Le discoteche potranno riaprire per servire apertivi, cene e cocktail.

Per ballare invece, il Governo dovrà decidere una data. "Credo che il mese di luglio possa e debba essere il mese in cui anche le discoteche possono ripartire", ha fatto sapere il sottosegretario alla Salute Andrea Costa,

Coronavirus, le altre notizie

Variante Delta in Emilia Romagna: i dati. Vaccino AstraZeneca vietato agli under 60

Muore per il Covid a 14 anni: Mario è la più giovane vittima d'Italia

Mix di vaccini: opzione o obbligo? L'appello di Gimbe

Zona bianca dal 21 giugno: tutte le regioni. Entrano pure Toscana e Sicilia. Chi cambia

Mascherine all'aperto, verso lo stop dal 15 luglio

Mix di vaccini: opzione o obbligo? L'appello di Gimbe

Stato d’emergenza, governo diviso. Salvini all’attacco: no alla proroga