In seguito alla indagini gli agenti sono riusciti a rintracciare l'aggressore
In seguito alla indagini gli agenti sono riusciti a rintracciare l'aggressore

Modena 19 gennaio 2020 - Litiga in autostrada con un altro automobilista in marcia, accosta su una piazzola di sosta e sferra un colpo di coltello all'addome dell'altro conducente, per poi allontanarsi ed essere rintracciato dopo un paio d'ore dalla polizia della Mobile. Una scena improvvisa quanto cruenta quella avvenuta attorno alla mezzanotte tra ieri, sabato, e oggi, domenica, sull'A22 in direzione Brennero, sulla quale sono stati impegnati a fare chiarezza i poliziotti della Squadra Mobile dopo la segnalazione da una pattuglia della polizia Stradale di Modena Nord.

Secondo la ricostruzione investigativa, futili motivi connessi alla viabilità sulla corsia di decelerazione dell’uscita del casello autostradale di Campogalliano, avrebbero innescato la lite tra automobilisti. Uno dei due ha costretto l'altro a fermare la propria corsa, ponendosi di fronte con il veicolo per farlo accostare. Si sarebbe, quindi, avvicinato a piedi, sferrando con un coltello un colpo secco all’addome. Forse l'uomo avrebbe potuto andare anche oltre nella sua furia, ma nel frattempo, si é accorto del passaggio, nella carreggiata opposta, di una pattuglia della polizia Mobile, che in brevissimo tempo si è portata sul luogo del concitato eposodio.

L’aggressore è riuscito a scappare prima dell’arrivo della pattuglia, mentre la vittima, un milanese di 52 anni residente a Carpi, accoltellato di fronte alla moglie, è stato trasportato d’urgenza all’ospedale. Lì é stato successivamente operato all’addome con una prognosi di 30 giorni e fortunatente dichiarato fuori pericolo. Gli agenti della Mobile, intanto, si sono subito concentrati sulle indagini che appena due ore dopo l'accoltellamento hanno portato ad identificare un uomo presunto autore dell'aggressione. Si tratta di un pregiudicato di 46 anni, rintracciato nella sua abitazione a Campogalliano. Sulla base degli elementi raccolti dagli inquirenti, per il 46enne è scattata la denuncia per lesioni aggravate.