Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
2 feb 2021

Maxi finanziamento all’Università per la ricerca sulla ’mucca pazza’

Centomila euro dalla Creutzfeldt-Jakob Disease Foundation per il trattamento con la nanomedicina. La responsabile del progetto: "Siamo molto soddisfatti per il risultato ottenuto e per la fiducia dimostrata"

2 feb 2021
Unimore centra un altro importante traguardo con il finanziamento a favore della ricerca sulle nanomedicine
Unimore centra un altro importante traguardo con il finanziamento a favore della ricerca sulle nanomedicine
Unimore centra un altro importante traguardo con il finanziamento a favore della ricerca sulle nanomedicine
Unimore centra un altro importante traguardo con il finanziamento a favore della ricerca sulle nanomedicine
Unimore centra un altro importante traguardo con il finanziamento a favore della ricerca sulle nanomedicine
Unimore centra un altro importante traguardo con il finanziamento a favore della ricerca sulle nanomedicine

Un finanziamento internazionale da 100mila dollari alla ricerca sulle nanomedicine di Unimore per il trattamento della malattia da prioni, più comunemente conosciuta come ’mucca pazza’. L’importante stanziamento a favore del laboratorio Nanotech del Te.Far.Ti. del Dipartimento di Scienze della Vita, è stato promosso dalla Creutzfeldt-Jakob Disease Foundation. Si tratta peraltro di un secondo stanziamento arrivato alla nostra università, il precedente ha infatti supportato le fasi iniziali della ricerca innovativa nel campo della nanomedicina e delle malattie da prioni condotto congiuntamente dall’Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri e, appunto, Unimore. Le malattie da prioni, dette anche ’encefalopatie spongiformi trasmissibili’, sono malattie degenerative del sistema nervoso centrale che colpiscono l’uomo e altri mammiferi. Nell’uomo sono molto rare (l’incidenza è 1-2 casi per milione di persone all’anno) e caratterizzate da una latenza lunga, ma che, successivamente alla comparsa dei primi sintomi, portano ad una evoluzione veloce, senza cura e con esito infausto. Il progetto iniziato nel 2018 si fonda su una forte collaborazione tra Unimore e il Mario Negri e si pone l’obiettivo di utilizzare nanoparticelle polimeriche direzionate al sistema nervoso centrale, in grado di trasportare un nuovo farmaco al cervello che può contrastare le prionosi, come la malattia di Creutzfeldt-Jakob, la controparte umana del morbo della ’mucca pazza’. Il progetto finanziato quest’anno, di cui è responsabile Barbara Ruozi di Unimore, con il supporto di un team di ricercatori tra cui Jason Duskey, in collaborazione con il Roberto Chiesa, coordinatore del Laboratorio di Neurobiologia dei Prioni del Dipartimento di Neuroscienze dell’Istituto Mario Negri, si propone di ottimizzare una produzione di nanomedicine in grado di veicolare selettivamente farmaci al sistema nervoso centrale per ottenere una possibile avanzamento di questo approccio innovativo come nuova terapia per la malattia da prioni. "Siamo molto soddisfatti per il risultato ottenuto e per la fiducia che la Cjd Foundation ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?