Quotidiano Nazionale logo
11 mag 2022

Pubblico impiego, nuovo contratto nazionale per circa mille dipendenti modenesi

Buone notizie per i circa mille dipendenti modenesi degli organi periferici dello Stato (ministeri, agenzie fiscali, enti pubblici non economici e casse privatizzate).

È stato firmato il nuovo contratto collettivo nazionale di lavoro del personale del comparto delle funzioni centrali per il triennio 2019-2021. Gli effetti decorrono da ieri, martedì 10 maggio.

"Con la sottoscrizione del contratto, nonostante i vincoli di finanza pubblica e legislativi, – dichiara Rakel Wiliana Vignali, componente della segreteria Cisl Funzione pubblica Emilia Centrale – aggiorniamo gli ordinamenti professionali, offriamo possibilità di riqualificazione e carriera, creiamo nuove opportunità di valorizzazione economica anche ai lavoratori collocati nelle posizioni più elevate e definiamo una disciplina innovativa del lavoro agile e da remoto".

Il nuovo contratto prevede aumenti fino a 117 euro, che arriveranno tra maggio e giugno. Saranno pagati anche gli arretrati 2019-2021, per importi superiori in alcuni casi a 2 mila euro.

"Il confronto sociale porta i suoi frutti – aggiunge Vignali - e dobbiamo completare tutti gli obiettivi fissati nel Patto per il lavoro pubblico.

L’intento è migliorare i servizi pubblici attraverso una nuova stagione di assunzioni e valorizzazione delle competenze di chi ogni giorno è al servizio dei cittadini e delle imprese modenesi", conclude Rakel Wiliana Vignali, componente della segreteria Cisl Funzione pubblica Emilia Centrale.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?