Modena, lezioni di sesso in 5a elementare: uno dei disegni mostrati ai bambini
Modena, lezioni di sesso in 5a elementare: uno dei disegni mostrati ai bambini

Modena, 7 giugno 2017 - «L’uomo e la donna un po’ alla volta desiderano conoscersi più profondamente e condividere ideali e progetti. Si baciano, si accarezzano per tutto il corpo... ». E fin qui non ci sarebbe nulla di male nello spiegare a un bambino di dieci anni come una donna e un uomo prima si innamorino per poi unirsi nel rapporto sessuale.

Il problema riguarda le frasi successive, contenute in un testo ‘affidato’ a bambini di quinta elementare, dove viene descritto esplicitamente come avviene il ‘cambiamento fisico’ sia nell’uomo che nella donna prima dell’atto, insieme ad una sorta di ‘istruzione’, molto dettagliata, per provare piacere.

Sono perplessi (per così dire) i genitori di alcuni alunni di quinta elementare della scuola Sant’Agnese di Modena, dove, da quanto trapela, una delle maestre ha tenuto una lezione di educazione sessuale un tantino ‘spinta’, al punto che i bimbi, usciti dalla classe, hanno tempestato i genitori di domande, mostrandosi confusi sul tema.

A denunciare l’accaduto è uno dei papà: «‘Anche voi fate certi rumorini la notte’, mi ha chiesto mio figlio – racconta l’uomo adirato – e mi ha pure annunciato di sapere come si fa a stuprare una donna. Qualcuno ha iniziato a dare addosso alla teoria gender ma non c’entra proprio nulla – commenta il genitore – il vero problema è che hanno spiegato in modo non troppo delicato come avviene il rapporto sessuale, ponendo ad esempio dei nostri figli proprio i genitori e quello che fanno sotto le lenzuola. Non sapevo più cosa rispondere».

Le immagini che mostra il padre lasciano in effetti poco spazio all’immaginazione ma, soprattutto, ‘l’argomento’ è ben trattato in una scheda consegnata agli alunni per spiegare meglio le icone. Tra le ‘indicazioni’ legate alle posizioni anche il movimento che porta a raggiungere l’orgasmo. «Non so se parlare o meno di pornografia ma per alunni di dieci anni mi sembra un po’ troppo – afferma ancora l’uomo adirato – poi mi dispiace per l’insegnante, che sicuramente pensava di fare il proprio dovere. Ma mio figlio è tornato a casa perplesso e continuava a chiedere spiegazioni anche su cosa facciamo a letto io e mamma».

Ieri, all’esterno dell’istituto, l’imbarazzo era tangibile e pare che la maestra sia stata chiamata a ‘colloquio’ dalla dirigente scolastica. Sicuramente – come sottolinea il papà – il suo intento era quello di spiegare in modo ‘scientifico’ come si avvicinano sessualmente uomo e donna. Quel che si chiedono i genitori, però, è se sia stato scelto il modo più consono per spiegarglielo, vista la tenera età. «Qui ci sono insegnanti che perdono il senso della misura e mi pare un po’ prestino per parlare di certe cose. Bastava un’infarinata sull’apparato riproduttivo senza scendere nei particolari», conclude il genitore.