Valentina Nappi
Valentina Nappi
Pesaro, 22 maggio 2016 - Sarà un’ edizione molto calda la 52ª Mostra Internazionale del Nuovo Cinema, in programma dal 2 al 9 luglio a Pesaro, diretta per il secondo anno consecutivo da Pedro Armocida. Dopo ‘Lo squalo’ quest’anno si omaggiano i 40 anni dalla prima proiezione negli Usa di ‘ Rocky’  di John G. Avildsen. Il film con Silvester Stallone verrà proiettato in piazza del popolo venerdì 1 luglio come evento di pre-apertura durante la Notte Rosa della Riviera Adriatica. L’altro omaggio è a ‘ C’eravamo tanto amati’ di Ettore Scola, regista scomparso lo scorso gennaio a cui il festival aveva dedicato l’Evento Speciale nel 2002. 
 
LA CURIOSITÀ è invece la proiezione in anteprima internazionale del cortometraggio di 18’ del 2015 ‘ Queen Kong’ di Monica Stambrini con Luca Lionello, Janina Rudenska e Valentina Nappi. Il film, che rientra negli Eventi Speciali del Festival, è diretto dalla regista che ha esordito nel 2001 con ‘Benzina’ e fa parte del progetto ‘ Le Ragazze del Porno', nato nel 2012, le cui novità verranno presentate all’interno della tavola rotonda dedicata all’‘ Italian Porn', realizzata in collaborazione con la rivista ‘8 e ½’ diretta da Gianni Canova che ha dedicato tutto l’ultimo numero all’argomento.
 
‘Le Ragazze del Porno’ è un progetto di cortometraggi porno d’autore girati da registe italiane dai 25 ai 75 anni, con esperienza nel cinema indipendente, teatro, televisone e videoarte. «Vogliamo realizzare una raccolta di corti porno d’autore – dicono le registe –, in Italia particolarmente c’è bisogno di ampliare il punto di vista sulla sessualità e sulla sua bellezza senza distinzione di genere e orientamento sessuale e indipendente da canoni estetici imposti. Crediamo che il desiderio possa prendere molteplici forme e vogliamo essere finalmente libere di rappresentarle per goderne tutte e tutti».
 
LA RETROSPETTIVA sarà invece sul regista algerino Tariq Teguia, la cui arte richiama con una certa verosimiglianza quella di Jean-Luc Godard. Un ruolo importante sarà ricoperto anche dall’animazione italiana, sia per la sezione « Animania» a cura di Pierpaolo Loffreda, sia per il manifesto e la sigla realizzati da Virgilio Villoresi, tra gli autori più illustri del genere. Immancabile, poi, la consueta sezione «Sguardi femminili» dedicata alle nuove tendenze del cinema russo contemporaneo. Non solo, tutte le sere, a partire dalla mezzanotte, sarà possibile partecipare al Dopofestival nel cortile di Palazzo Gradari. www.pesarofilmfest.it