Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
16 gen 2022

Caro bollette, protestano anche i ristoratori

Gabriele Di Gregorio: "In questo momento avere una crescita dei costi impedisce di fare aumenti, anzi, devi tagliare"

16 gen 2022
nicola petricca
Cronaca
Gabriele Di Gregorio, titolare della Locanda della Stazione
Gabriele Di Gregorio, titolare della Locanda della Stazione
Gabriele Di Gregorio, titolare della Locanda della Stazione
Gabriele Di Gregorio, titolare della Locanda della Stazione
Gabriele Di Gregorio, titolare della Locanda della Stazione
Gabriele Di Gregorio, titolare della Locanda della Stazione

di Nicola Petricca Il calo, a volte un vero crollo, dei clienti causato dall’impennata dei casi di covid e l’aumento continuo dei costi di gestione stanno pesando tantissimo su imprese, negozi e attività ricettive, con bollette spesso raddoppiate, o più. A tali problemi, per alcuni si aggiunge quello di dover rinnovare dei contratti di fornitura terminati proprio in periodo pandemico. Una scadenza dimenticata e non segnalata dal fornitore, sta costando cara a Gabriele Di Gregorio, titolare della Locanda della Stazione, che a novembre si è trovato con un prezzo per l’energia triplicato rispetto a luglio e ora sta avendo grossi problemi con il rinnovo, per rientrare in margini accettabili: "Da inizio autunno ho notato un aumento progressivo della bolletta, fino ad arrivare ai circa 2250 euro di novembre, rispetto ai 1250 di luglio, nonostante avessi usato 1400 kilowattora in meno - spiega -. All’inizio ho ridotto i consumi, ma a un certo punto le spese sono diventate insostenibili e ho capito che c’era qualcosa che non andava. Telefonando a Hera, a cui mi affido da quando ho aperto, ho scoperto che il contratto firmato a gennaio 2019 per la fornitura a un prezzo fisso di 0,079 euro per kilowattora era scaduto a luglio, senza che nessuno mi contattasse per il rinnovo, e stavo pagando l’energia al prezzo di mercato, che a novembre era di 0,25 euro per kWh. Ora, ammesso e non ammesso e non concesso che fossi io a dovermi ricordare della scadenza di un contratto firmato tre anni prima e che non è neanche riportata nei documenti, credo sia una mancanza di tutela verso i clienti non telefonare quando sta per scadere, per rinnovare, ma il problema è soprattutto ciò che è successo dopo. Il 2 dicembre ho subito stipulato un nuovo contratto con la ditta, a 0,16 euro ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?