Elisabetta Vandi tra l'assessore Della Dora e il sindaco Ricci, con l'omaggio floreale
Elisabetta Vandi tra l'assessore Della Dora e il sindaco Ricci, con l'omaggio floreale

Pesaro, 20 novembre 2018 - Spuntano delle gerbere gialle e una foglia di girasole. Poi, guardando meglio, spicca una rosa blush e per gli esperti un’alstroemeria, lisianthus e felce cuoio. Una bella carta rossa ad avvolgere tutto. Fine. Per comprare questo mazzo di fiori, dal costo di 22 euro più Iva al 10%, regalato il 24 luglio scorso dal sindaco di Pesaro Matteo Ricci alla giovane campionessa di atletica pesarese Elisabetta Vandi, è stato necessario per l’economo del Comune riempire un dossier di delibere consiliari, di giunta, leggi, rimandi, considerazioni, preventivi, visti e autorizzazioni degne della costruzione di una scuola. 


A scrivere è stato il dirigente dell’ufficio economato del comune di Pesaro Luigi Gabrielli, il quale dopo aver firmato una determina di 4 pagine (la n. 2331), ha dovuto precisare per iscritto di aver chiesto prima un preventivo al fioraio Masini di Masini F, di averlo ritenuto congruo, inviando subito dopo il codice di acquisto e allegati a Raffaele Cantone, presidente dell’Authority anticorruzione (Anac), all’Inps per sapere se il fioraio avesse pagato i contributi ai dipendenti (il famoso Durc), all’Inail per conoscere eventuali situazioni debitorie del fioraio, copia della spesa al collegio dei sindaci revisori, ha dovuto indicare una responsabile del procedimento, quale specialista istruttore dell’economato, precisando che questa non fosse in conflitto d’interessi (parente o affine) col fioraio, ha inoltrato all’Anac il numero del conto corrente del fioraio dove saranno pagati i 22 euro, ha dovuto attestare che l’acquisto di quelle gerbere con girasole è avvenuto in via diretta (andando da uno dei fiorai della città) perché il costo dei fiori è inferiore ai 40mila euro per cui non è necessario fare un bando d’asta europeo. 

L’economo ha poi dovuto precisare che non c’è traccia di un fioraio indicato da Consip, ricordando nella determina che nel capitolo di spesa denominato «Materiali diversi di funzionamento» c’era sufficiente capienza per pagare girasoli e gerbere dopo l’assestamento di bilancio fatto dal consiglio comunale «con la salvaguardia degli equilibri per l’esercizio 2018». Ha poi ottenuto l’autorizzazione a pagare dall’Anac col codice «ZF324FFFD7» presso il sistema SartCig, ed ha dovuto ricordare nella determina che «il presente atto è conforme al Piano Anticorruzione del comune di Pesaro»

E che inoltre si trasmetterà il provvedimento «...al servizio finanziario per l’apposizione del visto di regolarità contabile attestante la copertura finanziaria», ricordando che è sempre possibile impugnare la determina ma che è sempre «diritto dell’Amministrazione di recedere dal contratto in essere al ricorrere dei presupposti anche economici previsti da una legge del 2012 (che impone di strappare il contratto se la centrale di acquisto dello Stato fornisce dei fiori più a buon mercato ndr). Superato tutto questo, l’omaggio floreale alla velocista pesarese Elisabetta Vandi si può dire che sarà regolarmente pagato dal Comune di Pesaro. Già, ma quando? «Non prima di 30 o 40 giorni».