Una farmacista mostra le confezioni di mascherine d’importazione (foto d’archivio)
Una farmacista mostra le confezioni di mascherine d’importazione (foto d’archivio)

Pesaro, 7 aprile 2020 - Mascherine, ora non mancano più. Il Comune ne regalerà centomila ai cittadini, inoltre le farmacie di Pesaro sembrano ormai essere tutte abbastanza rifornite. E Luca Pieri, presidente di Aspes, ha già fatto sapere che "in tutte le 9 farmacie comunali che Aspes gestisce, sono disponibili in maniera continuativa da oltre una settimana. Ne abbiamo già movimentate circa 120mila solo a Pesaro e d’ora in poi ci saranno sempre. Per la stragrande maggioranza, si tratta di mascherine chirurgiche, poi abbiamo anche quelle in cotone anallergico, lavabili e sterilizzabili ed anche le Ffp2/Kn95. Insomma, grazie alla capillarità delle nostre farmacie, riforniamo buona parte del territorio. Tra l’altro, 4 di queste 9 fanno orario continuato ed una, in via Giolitti, è aperta tutto l’anno".

Leggi anche Sintomi e terapieMascherine, la guida - Decreto scuola: tutte le novitàIl modulo per l'autocertificazione

Dunque, chi avrà bisogno di fare rifornimento, non ha nulla da temere. In via Fratelli Rosselli, nella farmacia Mari di Samuele Paolini, addirittura, ve ne sono ancora diverse negli scatoloni in magazzino: "Siamo ben riforniti - ammette Paolini -, la scorsa settimana sono andato a reperirne circa 8mila a Tolentino. In generale, da due mesi a questa parte, le abbiamo sempre avute. E questo perché io stesso faccio due viaggi alla settimana, tra Civitanova e Tolentino, per andarle a prendere. Si tratta, tra l’altro, di mascherine di produzione italiana, di tipo Ffp1. Nei giorni scorsi, la finanza è venuta a fare verifiche per ben due volte in negozio e si sono complimentati per la nostra onestà: il ricarico, da parte nostra, è stato minimo".

Mascherine disponibili anche nella farmacia San Salvatore, in Largo Aldo Moro: "Abbiamo una ditta che ce le porta - dicono - , insieme con i nostri fornitori abituali che ce le fanno avere. Chiaro, non sono in grande abbondanza ma, all’80 per cento, siamo in grado di soddisfare la nostra clientela". "La settimana scorsa ne sono arrivate circa 100, di tipo chirurgico - interviene Federica Golinelli, della farmacia Antonioli di via Branca -, ora ne abbiamo ordinate altre, più filtranti. Chiaro che è difficile far fronte alle numerose richieste che ci arrivano, ma ci proviamo". Intanto, dal Comune fanno sapere che l’amministrazione acquisterà almeno 100mila mascherine da distribuire gratis ai pesaresi.

«Non sappiamo se le mascherine diventeranno obbligatorie - spiega il sindaco Ricci -, dipenderà dalle indicazioni dell’Istituto superiore di sanità. Ma di certo ne avremo sempre più bisogno. Per andare a fare la spesa ma anche nella ‘fase due’, quando partirà, per andare a lavorare in sicurezza. Per questo, da una parte abbiamo avuto la garanzia che da oggi in poi, nelle farmacie comunali, ci saranno forniture costanti e si potranno trovare tutti i giorni. Dall’altra, abbiamo deciso di acquistarne almeno 100mila, da distribuire gratuitamente ai pesaresi nel mese di aprile. Si tratta di un’iniziativa che faremo con la Croce Rossa. Questa mattina (ieri, ndr) abbiamo chiesto i preventivi alle imprese marchigiane che hanno scelto di riconvertire la produzione".