Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
24 lug 2022

Premiate tre cantine

24 lug 2022
La premiazione in occasione della prima tappa di Tramonto DiVino
La premiazione in occasione della prima tappa di Tramonto DiVino
La premiazione in occasione della prima tappa di Tramonto DiVino
La premiazione in occasione della prima tappa di Tramonto DiVino
La premiazione in occasione della prima tappa di Tramonto DiVino
La premiazione in occasione della prima tappa di Tramonto DiVino

Sono state premiate nella prima tappa di Tramonto DiVino le migliori produzioni spumantistiche Metodo Classico dell’Emilia-Romagna. A premiare le cantine top nella suggestiva piazza della Torre San Michele sono stati i presidente di Ais Emilia e Romagna, Luca Manfredi e Adolfo Treggiari, e Maurizio Magni direttore della guida ‘Emilia Romagna da Bere’. Il premio è stato dedicato alla memoria di Giuliano Zuppiroli, funzionario dell’Assessorato all’Agricoltura della Regione prematuramente scomparso due anni fa e instancabile promotore delle eccellenze del cibo e del vino regionale. Sono state 49 le etichette metodo classico partecipanti al premio, suddivise in tre tipologie: Brut, rosè, ancestrale. Degustate alla cieca da una commissione mista di degustatori di Ais Emilia e Romagna, sul gradino più alto nella sezione Metodo classico Brut è andato la Spergola ‘Cà Besina’ Colli di Scandiano e Canossa Doc 2016 della cantina Casali Viticoltori di Scandiano nel reggiano. Il miglior Rosè è stato giudicato ‘Grosso’ Lambrusco di Sorbara 2019 della Cantina Paltrinieri di Sorbara a Modena. Per il metodo ancestrale gradino più alto per ‘Rimosso’ Lambrusco di Sorbara Doc 2020 di Cantina della Volta a Bomporto sempre nel modenese. Tutti i vini partecipanti al Premio sono stati degustati nel corso della serata in accompagnamento ai prodotti Dop e Igp dell’Emilia Romagna.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?