Festa Unità Ravenna, attesi Matteo Renzi e Romano Prodi
Festa Unità Ravenna, attesi Matteo Renzi e Romano Prodi

Ravenna, 20 agosto 2019 – Manca poco ormai all’inizio dell’edizione 2019 della ‘Festa Nazionale dell’Unità’ a Ravenna che, per diciotto giorni dal 23 agosto al 9 settembre, diventerà crocevia della politica italiana. Ci sarà Matteo Renzi con cui è in fase di definizione la data migliore, ma non mancherà anche Romano Prodi, dopo undici anni di assenza.

Non ci saranno invece ministri e rappresentanti istituzionali del Movimento 5 stelle, che hanno preferito declinare l'invito a partecipare alla kermesse democratica. «Ma l'hanno fatto prima che scoppiasse la crisi di Governo», ci tiene a precisare Stefano Vaccari, responsabile organizzativo del Pd nazionale, che oggi a Ravenna ha presentato l'edizione 2019 della festa insieme a Ouidad Bakkali, vicesegretario del Pd Emilia-Romagna, e Alessandro Barattoni, numero uno dei democratici a Ravenna. Vaccari spiega che erano stati invitati i presidenti di Camera e Senato, Roberto Fico e Maria Elisabetta Casellati, ma entrambi "hanno declinato l'invito prima che scoppiasse la crisi di Governo, così come un paio di ministri 5 stelle che avevamo invitato per alcuni dibattiti tematici».

Il programma della Festa dell'Unità a Modena - Le anticipazioni sulla kermesse di Bologna

Il tema di quest'anno è riassunto dal titolo ‘Riaccendiamo l'Italia. Verde, giusta e competitiva’. Ovvero «idee per costruire un nuovo patto per l'Italia- spiega Vaccari- e se, come spero, oggi si consumerà la crisi di Governo, il Pd sarà tra i principali attori del dialogo con il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella». La festa di Ravenna, aggiunge Barattoni, ‘sarà un'aula parlamentare aggiunta da cui seguire, mi auguro, la crisi e la caduta del Governo Conte’. A tagliare il nastro della kermesse, venerdì 23 agosto, oltre a Vaccari e Barattoni, anche il segretario regionale del Pd Paolo Calvano, il sindaco di Ravenna Michele De Pascale, e la parlamentare dem Paola De Micheli.

Il programma della Festa nazionale dell'Unità di Ravenna conta 66 tra incontri e dibattiti: ci saranno quasi tutti i big del Pd, da Paolo Gentiloni il 27 agosto al segretario Nicola Zingaretti l'8 settembre, per la chiusura. Ma saranno presenti anche il leader Cgil Maurizio Landini (28 agosto), l'ex premier Romano Prodi (29 agosto), il presidente del Parlamento europeo David Sassoli (31 agosto) e il fondatore di Libera don Luigi Ciotti (4 settembre). Impegnati nei dibattiti della festa saranno anche il governatore Stefano Bonaccini e diversi assessori della sua giunta, in rotta di avvicinamento alle prossime elezioni regionali. E saliranno sul palco della festa anche esponenti del centrosinistra come Pierluigi Bersani e Laura Boldrini.

La serata del 26 agosto sarà invece dedicata a Stefano Cucchi, con la proiezione del film che racconta la sua storia e il dibattito alla presenza della sorella Ilaria, dell'avvocato Fabio Anselmo e del magistrato Riccardo De Vito. La mattinata di domenica 1 settembre sarà invece incentrata sui valori della Costituzione con Anpi, sindacati e associazioni. Quattro eventi speciali infine saranno dedicati ad Andrea Camilleri, Benigno Zaccagnini (a cui è dedicata la sala dibattiti centrale), Primo Levi ed Enrico Berlinguer.

Ultima nota: l'edizione di quest'anno della Festa dell'Unità sarà 'plastic free'. «Abbiamo eliminato la plastica usa e getta – spiega Vaccari – nei ristoranti si userà il vetro e nei locali le borracce. Abbiamo stoviglie lavabili e piatti e posate biodegradabili. Ci sarà l'acqua del rubinetto microfiltrata e l'80 per cento dell'illuminazione dei ristoranti sarà a led».