Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
21 apr 2022

Il Comune risarcisce oltre 560mila euro

Un ex dipendente affermò di essersi ammalato lavorando al San Lazzaro

21 apr 2022

Un maxi risarcimento di 566mila euro per una causa di lavoro. È la somma versata nel 2021 dal Comune di Reggio, che ora chiede alla Regione (non chiamata in causa nel primo grado di giudizio e condannata nel secondo) di ’smezzare’.

A far emergere la notizia è un recente atto dirigenziale degli uffici di piazza Prampolini, relativo alla causa intentata da un ex dipendente, deceduto nel 2019, che sosteneva di aver contratto una malattia professionale per l’attività lavorativa svolta dal 1967 al 1989 alle dipendenze degli Istituti Ospedalieri Neuropsichiatrici San Lazzaro - poi divenuti Unità Sanitaria Locale 9.

Nel contenzioso sorto con gli eredi, a gennaio dell’anno scorso, il tribunale di

Reggio (sezione Lavoro) ha condannato l’amministrazione, che ha versato alla controparte la somma dovuta. La sentenza rigettava invece le domande proposte dal ricorrente nei confronti delle altre parti convenute (Regione e Ausl).

Il Comune ha però impugnato la sentenza davanti alla Corte d’Appello di Bologna che, il 22 febbraio scorso, ha riconosciuto la "concorrente responsabilità della Regione Emilia-Romagna nella causazione della malattia professionale contratta dall’originario ricorrente".

In virtù di tale verdetto il Comune ritiene ora di avere "titolo per farsi rimborsare dalla Regione il 50% delle somme versate per il risarcimento e per le spese del giudizio di primo grado", per un ammontare di quasi 292.000 euro.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?