L'arrivo a San Marino di Roglic, che ha dominato la crono (Lapresse)
L'arrivo a San Marino di Roglic, che ha dominato la crono (Lapresse)

Riccione, 19 maggio 2019 - Non importa se c'è il sole o se c'è la pioggia, il ciclista del GIro d'Italia pedala. A supportarlo, ancora una volta, è il pubblico che, dalla partenza di Riccione al traguardo di San Marino, ha accompagnato la cavalcata solitaria dei corridori sotto il maltempo (FOTO), disputata su un percorso lungo 34,8 chilometri. Cavalcata che ha visto la vittoria nella cronometro di Roglic, ma con Conti che mantiene la maglia rosa. 

LEGGI ANCHE La classifica della crono e della classifica generale

E' così che stamattina Riccione ha accolto la carovana in un grande clima tutto rosa, dando il benvenuto a tifosi, giornalisti, ciclisti e appassionati, ponendo alle rotonde in entrata della città, delle bellissime realizzazioni stilizzate di ciclisti in corsa, ma anche palloncini, vetrine a tema e un fantastico Viale Ceccarini pink total look che ha strabiliato i tantissimi accorsi a vedere l'avvio della tappa. Poi ancora la scritta Riccione con gli ombrelloni rosa e la grande impronta realizzata sulla spiaggia che riproduce il marchio del Giro numero 102 o l'enorme bicicletta reallizzata sulla spiaggia con i lettini rosa.

false

Particolare nota va anche alla primissima parte del tracciato che vede i ciclisti iniziare la cronometro, da una passerella d'eccezione come una rampa di lancio verso la maglia rosa. Si tratta del bellissimo impatto dato alla pista ciclabile di Lungomare della Libertà che è stata dipinta di rosa. E se, inizialmente, ha brillato il sole sulla partenza, il pubblico presente non ha lasciato soli i corridori, rimanendo al loro fianco, accompagnandoli a bordo strada, tutti generosi di applausi quasi a volerli spingere fino al traguardo, nonostante la pioggia

LEGGI ANCHE Il Giro d'Italia torna in Emilia Romagna, le tappe e gli orari

La salita verso San Marino non ha lesinato difficoltà, a causa di rotonde e curve, ma gli atleti hanno poi ritrovato il calore della gente man mano che la strada saliva. Tanti gli stranieri ma anche gli italiani, molti dei quali hanno scelto di raggiungere il posto migliore fin dalla sera prima. Occasione anche per visitare San Marino che, in concomitanza del Giro, ha creato un apposito vino, ma anche dei magneti artigianali, nonchè posizionato una sorta di biglia dove, mettendo il viso nel cartonato, si poteva fingere di essere proprio la maglia rosa. E un po' più in basso, una grande foto di Pantani con uno striscione giallo a testimoniare che il suo mito non tramonterà mai.

Sotto la pioggia battente, la cronometro mostra immagini d'alltri tempi, di ciclisti che spuntano dalla nebbia per raggiungere il traguardo. La tappa ha dunque il suo finale con un Roglic che fa sua anche la seconda crono (dopo quella di Bologna), con 11" di vantaggio su Campenaerts, 1' su Mollema, 1'05" su Nibali e 1'10" su Kangert, mentre crolla Yates. Ancora in rosa il giovane Valerio Conti.

 

Giro d'Italia, Roglic: Non sono sorpreso della vittoria"

"Non sono sorpreso del mio risultato di oggi perché sono concentrato per fare il meglio possibile. E oggi è andato tutto bene - analizza la gara il vincitore Roglic - la strada era bagnata ed ero attento a non far errori. Domani mi godo il giorno di riposo ma questo Giro, per vincerlo, occorre essere sempre concentrati. Oggi sono stato attento alla parte iniziale che aveva molte curve, poi dopo i primi 10 km ho dato tutto facendo forcing in sala cercando di andare il più forte possibile"' .

Soddisfatto anche Valerio Conti che mantiene la maglia rosa. "Con la pioggia non riuscivo a vedere la strada. Ero avvolto dalla nebbia e avevo visibilità per soli 10 metri - dice la maglia rosa -, oggi la pressione l'ho sentita, ma ho gestito bene la cosa e, visto il maltempo, ho preferito non prendere rischi. La gente? Sento l'affetto e sto vivendo tante emozioni". E.guarda alle prossime tappe. "Non mi metto limiti e voglio dare tutto, perché questa maglia è speciale - conclude -. Non vincerò questo Giro, ma proverò a vincerne uno in futuro. Ora terrò duro e quando perderò la maglia cercherò di stare nelle parti alte della classifica".

 

I risultati

Maglia Rosa, leader della classifica generale, sponsorizzata da Enel - Valerio Conti (UAE Team Emirates) 

Maglia Ciclamino, leader della classifica a punti, sponsorizzata da Segafredo - Pascal Ackermann (Bora - Hansgrohe)

Maglia Azzurra, leader del Gran Premio della Montagna, sponsorizzata da Banca Mediolanum - Giulio Ciccone (Trek - Segafredo)

Maglia Bianca, leader della Classifica dei Giovani, sponsorizzata da Eurospin - Nans Peters (AG2R La Mondiale)

 

Classifica generale

1 - Valerio Conti (UAE Team Emirates) 
2 - Primoz Roglic (Team Jumbo - Visma) a 1'50"
3 - Nans Peters (AG2R La Mondiale) a 2'21"