Marco Cappato, disoccupato, ha deciso di vendere un rene
Marco Cappato, disoccupato, ha deciso di vendere un rene

Villadose (Rovigo), 1 marzo 2017 - «A mio figlio serviano un paio di scarpe, ma non sapevo come trovare 20 euro necessari ad acquistarle. Sono disoccupato e non trovo lavoro. Sono andato dal parroco e, come al solito mi ha offerto una monetina di due euro, dicendo che non poteva fare altro. Secondo lui era stato anche generoso, di euro si solito me ne dà addirittura solo uno. Dice che non può aiutare tutti. Io e mia moglie ci siamo guardati in faccia, in 4 anni ormai abbiamo venduto tutto quello che si poteva vendere. Le fedi sono state le prime, poi l’auto e addirittura la bicicletta. L’unica soluzione, ho pensato, sarebbe vendere un rene».

Marco Cappato, 42 anni, ex operaio della Grimeca, dopo la chiusura della fabbrica non è più riuscito a trovare lavoro. Vive a Villadose, ha 4 figli e anche la moglie, un tempo cameriera stagionale, non trova da un anno un’occupazione. «Viviamo grazie alla Caritas – racconta Marco -, il mutuo lo pagano i nostri genitori con la pensione. Ma di più non possono fare. Il Comune ci dà un aiuto con le bollette, ma non abbiamo nessun tipo di reddito». Servono vestiti, quaderni, medicine, ma a casa Cappato, a fine mese, non arriva un euro.

Entrambi i genitori, entrambi italiani un’occupazione però la stanno cercando disperatamente da più da tempo. «Ho lavorato come operaio all’ex Grimeca per 14 anni. Poi la fabbrica nel 2010 ha chiuso, dopo la cassa integrazione e la mobilità non sono più riuscito a reinserirmi. Tutte le mattine busso alla porta delle agenzie interinali di Rovigo. Ogni volta penso: ‘Dai Marco, questa è la giornata giusta’. Ma di un lavoro nemmeno l’ombra, le aziende cercano solo giovani apprendisti. A 42 anni sei già da buttare via, costi troppo. Hai troppa esperienza, mi dicono».

E Marco racconta: «Sono stato tante volte dal sindaco di Villadose per chiedere un aiuto, mi sono reso disponibile a fare qualsiasi cosa. Ma anche per i lavori di giardinaggio ormai preferiscono gli extracomunitari. Di noi italiani che abbiamo sempre pagato le tasse, lo Stato infatti si dimentica. Noi che arriviamo a bussare le porte del Comune solo quando non sappiamo come dare da mangiare ai nostri figli. Ingoiamo l’orgoglio e la violata dignità, non chiediamo carità, ma un aiuto per guadagnarci da soli il pane. Quando sei nella disperazione e sei un padre faresti di tutto per proteggere la tua famiglia dal disagio e dalle difficoltà – racconta Marco -.Venderesti anche un rene. Ci ho anche pensato. Poi mia moglie mi ha detto ‘No Marco, i nostri figli hanno bisogno di un padre in salute. Un padre che lavori per loro e li faccia studiare e crescere. Poi non è legale». Ho accantonato l’idea, ma sono davvero disperato. E Marco conclude: «Io e mia moglie siamo disposti a fare qualsiasi lavoro. Vi prego, aiutateci. Vogliamo solo crescere i nostri figli lavorando onestamente».