Gli appuntamenti che attendono le amministrazioni comunali nel 2021 sono tanti ma con Amor Zeri, sindaco di Bagnolo di Po, cerchiamo di capire l’entità dell’impegno profuso nell’ultimo anno di lavoro e gli obiettivi raggiunti al servizio della comunità. "Non sentiremo la mancanza del 2020 e di certo non lo rimpiangeremo – sottolinea il primo cittadino –. L’anno appena terminato ha evidenziato quanto fragile sia la nostra società e quanto siamo impreparati ad affrontare simili catastrofi. Al tempo stesso però ha fatto anche emergere la forza d’animo delle persone e lo spirito necessario al mettersi a...

Gli appuntamenti che attendono le amministrazioni comunali nel 2021 sono tanti ma con Amor Zeri, sindaco di Bagnolo di Po, cerchiamo di capire l’entità dell’impegno profuso nell’ultimo anno di lavoro e gli obiettivi raggiunti al servizio della comunità. "Non sentiremo la mancanza del 2020 e di certo non lo rimpiangeremo – sottolinea il primo cittadino –. L’anno appena terminato ha evidenziato quanto fragile sia la nostra società e quanto siamo impreparati ad affrontare simili catastrofi. Al tempo stesso però ha fatto anche emergere la forza d’animo delle persone e lo spirito necessario al mettersi a disposizione e aiutare le persone maggiormente in difficoltà". Un elemento, la solidarietà, su cui gli amministratori di Bagnolo di Po hanno basato fin dall’inizio della pandemia la propria azione. "Tramite i servizi sociali – riprende – abbiamo messo in campo interventi mirati ad attenuare i problemi economici dei nostri concittadini. Fondamentali, in questo senso, si sono rivelate le associazioni di volontariato che con la loro disponibilità e impegno hanno risolto numerosi piccoli e grandi problemi. Noi, da parte nostra, con cifre importanti abbiamo provveduto alla sanificazione degli edifici comunali e delle strutture scolastiche. Sono stati acquistati due termoscanner per rendere più sicuri gli ingressi alla nostra scuola primaria e alla scuola dell’infanzia". Oltre alle azioni straordinarie legate alla pandemia l’amministrazione di Bagnolo di Po ha dovuto affrontare l’ordinario. "Certo – afferma – i lavori pubblici sono proseguiti e siamo riusciti a concludere gli interventi al cimitero di Runzi con nuovi sentieri interni, l’impianto luci per le lapidi e il rinnovamento del parcheggio esterno con l’illuminazione stradale. Anche al cimitero di Bagnolo di Po sono iniziati i lavori di sistemazione e a giorni comincerà la costruzione di 40 nuovi loculi. Abbiamo predisposto l’appalto per la costruzione di un nuovo marciapiede, nella frazione di Runzi, che partendo dal ponte affiancherà le case garantendo maggiore sicurezza al transito dei cittadini. Poi, come da programma, abbiamo installato in più punti del paese videocamere di sorveglianza e, per concludere, è stato redatto il progetto per eliminare l’amianto e ristrutturare il capannone che ospita attrezzi e mezzi di proprietà dell’amministrazione comunale. A seguito di questo intervento seguirà la posa di pannelli fotovoltaici". Un grande lavoro che Zeri è pronto a continuare: "Il futuro è il nostro traguardo e quindi – conclude – oltre ad aver consegnato le borse di studio ai nostri studenti e assegnato un contributo economico alle famiglie dei neonati, il nostro lavoro, grazie all’indispensabile contributo delle associazioni di volontariato, Pro Loco, Biblioteca, Avis, Aido, Auser, La Frasca e Protezione civile, è proiettato ai giorni che verranno e alle nuove generazioni. In questo contesto il ringraziamento finale va alle docenti di scuola primaria e materna che anche in quest’anno così difficile hanno saputo accudire ed educare i nostri bambini con abilità e competenza".

Sandro Partesani