Rovigo, il sindaco Bergamin: "Non mi dimetto"
Rovigo, il sindaco Bergamin: "Non mi dimetto"

Rovigo, 4 febbraio 2019 - "Non mi dimetto, non mi dimetterò. Io non mollo mai". Il sindaco leghista di Rovigo, Massimo Bergamin lo annuncia nel corso di una conferenza stampa organizzata al Bar Borsa, in piazza Garibaldi. Dopo aver azzerato la giunta ed essere stato sfiduciato dalla maggioranza, Bergamin tiene duro e rilancia: "Da domani ho in programma una serie d'incontri anche con la minoranza e gli indipendenti. La nuova giunta? Il prima possibile". Smentisce di avere oggi un incontro con i vertici regionali del Carroccio: "Non ho appuntamenti con il segretario regionale Da Re".

In merito alle critiche del presidente del consiglio comunale, Paolo Avezzù, che lo aveva rimproverato di scarsa capacità amministrativa, lui risponde: "Non ho motivo per non avere più fiducia in Avezzù". E per quanto riguarda il suo partito, la Lega, che gli ha voltato le spalle ribatte: "I consiglieri comunali leghisti non mi hanno sfiduciato, ma hanno solo fatto delle critiche costruttive".

Parla dunque della nuova viabilità che tante polemiche ha sollevato nella cittadinanza. "Mi confronterò con la polizia locale. La volontà è di riaprire l'ingresso di viale Marconi per chi viene da viale Porta Adige"