Bollettino Covid Veneto del 14 gennaio 2022
Bollettino Covid Veneto del 14 gennaio 2022

Veneto, 14 gennaio 2022 - Il Veneto attende il responso del Comitato tecnico scientifico nazionale ma il presidente della Regione Luca Zaia si dice sicuro che la prossima settimana il territorio resterà in zona gialla. E parla dei 'Covid per caso', pazienti positivi al tampone ma asintomatici che vorrebbe fossero tolti dai conteggi ufficiali.
Covid Veneto, open day vaccino fascia 5-11 anni nel week end. Tutti i centri aperti

Bollettino Covid Italia ed Emilia Romagna del 14 gennaio

"Il Veneto resta anche la prossima settimana in zona gialla. Aspettiamo l'ufficializzazione, ma i nostri numeri solo da area gialla, in virtù soprattutto della soglia dei ricoveri in area medica" - hadichiarato Luca Zaia, in attesa del responso del Cts. 

Quanto alla richiesta di una nuova classificazione dei 'casi' il Governatore aggiunge: "Auspichiamo che a ore si decida di estrapolare dalla contabilità ospedaliera i dati di quelli che definisco i 'Covid per caso', pazienti, facciamo l'esempio della partoriente, del tutto asintomatici e si scoprono positivi solo all'ingresso in ospedale col tampone".
Covid, ricerca: "Mascherina eccellente protezione: contagio trascurabile"

In Veneto sequenziati i i primi due pazienti con doppio contagio: variante Omicron e Delta insieme

Per la prima volta in Veneto sono stati individuati due casi di doppio contagio da variante Delta e Omicron. Lo scorso 3 gennaio l'Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie (IZSVe) di Legnaro (Padova) ha ricevuto dai laboratori di microbiologia delle Ulss e delle Aziende ospedaliere del Veneto e di Trento 316 campioni.  Tra questi, sono stati identificati due casi di co-infezione da varianti Delta e Omicron: si tratta di un paziente residente in provincia di Padova e uno in provincia di Trento.

I dati del bollettino Covid del Veneto di oggi, 14 gennaio 2022

Sono 18.357 i nuovi casi positivi (+401) al coronavirus in Veneto nelle 24 ore, a fronte di a fronte di 28.746 tamponi molecolari e 115.415 tamponi antigenici eseguiti. Le persone in isolamento attualmente positive sono 232.482 (+8.337). Sono 848.874 i casi da inizio pandemia.
Covid, varianti Delta e Omicron: doppio contagio in due pazienti a Padova e Trento

Si registrano 29 decessi: le vittime salgono a 12.688; ieri erano 12.659.
Lo comunica il bollettino Covid della Regione Veneto.  
Sul fronte ospedaliero sono 1.727 i ricoverati in area non critica (+125) e 188 in terapia intensiva (+2).
Covid Veneto 13 gennaio, il bollettino di oggi. Zaia: "La zona arancione si avvicina"
 






La mappa dei contagi in Veneto

É la provincia di Verona a registrare il maggior numero di focolai e di persone contagiate dal Covid 19: sono 3.897, con 48.363 persone in isolamento. Segue la provincia di Treviso con 3.419 nuovi casi e 41.994 trevigiani costretti alla quarantena. Quindi il territorio di Vicenza con 3.326 persone risultate positive ai tamponi e 37.240 costrette a misure restrittive anti pandemia. Per la prima volta da tempo Padova scende sotto i 3 mila casi: sono 2.993, anche se resta alto il numero dei padovani in isolamento, 42.340.
Segue poi la Città metropolitana di Venezia con 2.551 contagiati e 33.989 in quarantena. Supera i mille casi Rovigo, sono 1.022 con 11.477 persone in isolamento. Infine Belluno con 704 nuovi casi e 7.169 in quarantena.
Tra domiciliati fuori dal Veneto e assegnazioni in corso i casi sono 522 con 9.910 persone in isolamento.

La campagna vaccinale in Veneto: i dati

In Veneto quasi il 45% della popolazione over 12 ha ricevuto la dose booster (il 44,9% per la precisione). Lo conferma il bollettino della Regione Veneto che parla di 2,2 milioni di terze dosi somministrate fino ad oggi e di 9,7 milioni di dosi totali inoculate dall'inizio della campagna vaccinale. 

Ieri sono stati somministrati 51.529 vaccini, di cui 4.165 prime dosi, 4.279 seconde dosi, e 43.083 booster. 
Risulta immunizzato il 78,1% della popolazione del Veneto e coperto da almeno una dose di vaccino antiCovid l'80,6% della popolazione (poco meno di 4 milioni di persone); la percentuale sale all'88% se si tiene conto della popolazione over12. 
Per quanto riguarda la fascia 5-11 anni coperto con la prima dose il 21,8%.

Notizia in aggiornamento