Luca Zaia (Ansa)
Luca Zaia (Ansa)

Venezia, 18 maggio 2021 – “Dovremmo essere già questa settimana con un'incidenza sotto i 50 casi su 100 mila abitanti, ripetuta questa incidenza per tre settimane vuol dire che dal 7 di giugno noi saremo zona bianca: sparisce il coprifuoco e si torna, diciamo, alla normalità”. Lo ha dichiarato oggi il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, a ‘Mattino 5’ su Canale 5.

Covid Veneto, bollettino 18 maggio: +306 contagi e 12 decessi in 24 ore - Zona bianca senza coprifuoco: come ci si entra e regole. Sei regioni pronte al salto - Zona bianca Emilia Romagna, Donini: "Crolla l'incidenza"

Zaia: “Siamo primi in Italia per vaccinazioni”

Parlando della campagna di immunizzazione, Zaia ha poi detto che “il Veneto è primo in Italia per vaccinazioni: gli over 80 sono vaccinati al 98%, la fascia dei 70enni oltre all'83%, la fascia dei 60enni è oltre ormai il 70%, poi a scendere. Chi è vaccinato non entra in ospedale”.

Zaia ha poi spiegato che in Veneto, sempre commentando la campagna vaccinale, “abbiamo già aperto ai 40enni. Penso che prima di fine maggio si possa parlare di ‘liberi tutti’ per vaccinare su base volontaria senza limiti di fasce”.

Bar e ristoranti, ok anche al chiuso. Centri commerciali aperti sempre

“Modello Israele dimostrato anche in Veneto”

“Sulla quarta ondata – ha aggiunto – non è accaduto quello che si temeva o che forse qualcuno si aspettava, ma ci vuole comunque prudenza perché il virus c’è e bisogna conviverci, con le vaccinazioni che si dimostrano decisive”. Secondo Zaia, dunque, “il modello Israele è dimostrato anche in Veneto”.

“Senza andare a scomodare i guru del digitale – ha sottolineato il governatore del Veneto – si può tranquillamente pensare alla seconda vaccinazione anche per i turisti: è solo burocrazia che se si vuole si supera”.

Infine, a proposito dell’uso della mascherina, ha spiegato che “sarà come l'ombrello” e che “la utilizzeremo quando serve. Per gli assembramenti ad esempio vanno messe comunque nel segno del buon senso”.