Quotidiano Nazionale logo
10 ago 2021

Export in ripresa nel Triveneto, si torna a correre a livelli pre-Covid

Tra le migliori performance nel trimo trimestre del 2021 è il nuovo distretto biciclette di Padova e Vicenza: +34,1%

A firmare i contratti sono state le organizzazioni operaie autonome aderenti alla Uil
A firmare i contratti sono state le organizzazioni operaie autonome aderenti alla Uil

Venezia, 10 agosto 2021 – Torna a correre a livelli pre-Covid l'export nei principali distretti del Triveneto. Crescono le esportazioni in uscita dal Nord Est, in generale i distretti industriali trainanti hanno registrato un volume di affari in incremento del 5,8%. Un dato che che consente alle imprese di ritornare ai livelli dello stesso periodo del 2019, quando nell'anno precedente alla crisi le stime di fatturato erano a quota 8,4 miliardi di euro. A tracciare il quadro della situazione produttiva dei distretti industriali del Triveneto è il monitoraggio dei distretti triveneti al primo trimestre 2021, elaborato da Intesa Sanpaolo.

Nel panorama del Nord Est, i distretti veneti risultano più lenti nella ripresa rispetto a quelli di Friuli Venezia Giulia e Trentino Alto Adige, ma raggiungono comunque ottimi valori con un +4,3% sul 2020 e un meno 1,6% sul 2019. Tra i distretti del Veneto con un export a 6,6 miliardi di euro spiccano il settore degli elettrodomestici di Treviso con un incremento del 33,7%, l'oreficeria di Vicenza in rialzo del 29,1% - trainata dalla vendita di gioielli in oro negli Stati Uniti e Sudafrica - e la termomeccanica di Padova che nel primo trimestre di quest'anno ha registrato un aumento delle esportazioni del 24,4%. La termomeccanica patavina è cresciuta in Francia, Germania e, con grande accelerazione, in Russia e Cina.

Crescono anche i distretti veneti del mobile: legno e arredo di Treviso (+9,6%), il mobile del Bassanese (+4,8%), e il mobile in stile di Bovolone (+5,2%), mentre nella filiera metalmeccanica le macchine agricole di Padova e Vicenza recuperano i livelli pre-Covid e così pure la termomeccanica Scaligera, mentre risulta in ritardo la meccanica strumentale di Vicenza.

Bene anche la zona delle biciclette di Padova e Vicenza con un +34,1%, che è il nuovo distretto monitorato da Intesa Sanpaolo attivo sia nella fabbricazione di biciclette tradizionali che di e-bike, parti e accessori, con grandi possibilità di sviluppo nei prossimi anni sia nell'escursionismo che nella mobilità urbana.

Veneto, export in ripresa: +4,9% di vendite e 16 miliardi di fatturato nel primo trimestre

Nel Nord Est, l'aumento più dinamico è quello registrato dal Friuli-Venezia Giulia, +16% sul 2020 e +8,8% rispetto al 2019. Il Trentino-Alto Adige cresce del +9,4% rispetto al 2020 e al +4,7% sul 2019, mentre è ancora lenta la ripresa del Veneto +4,3% rispetto al 2020 e -1,6% sul 2019. I maggiori aumenti rispetto al 2020 sono stati ottenuti verso i mercati dell'Asia Orientale e del Nord America, le esportazioni verso l'Europa, in particolare Francia e Germania, hanno contribuito alla crescita del sistema casa e della metalmeccanica, ma quelle verso la Svizzera e il Regno Unito hanno causato i cali del tessile veneto e del Prosecco di Valdobbiadene.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?