Ancona, 6 dicembre 2017 - Gli stipendi dei lavoratori marchigiani nel settore privato si piazzano all’11° posto nel 2017 (sul podio rimane stabile la regione Lombardia e l’Emilia Romagna al 2° posto) con una retribuzione media annua di 27.226 euro. Pesaro e Urbino si piazza al 1° posto (scendendo però dal 25° al 38° posto nella classifica nazionale realizzata su 110 province e perdendo quindi 13 posizioni) nella graduatoria retributiva regionale con una retribuzione media annua di 28.597.

 

 

Ecco quindi la fotografia scattata dal Geography Index, la classifica delle retribuzioni annue lorde (Ral) percepite, in media, dai lavoratori privati nelle diverse province. Un report che si basa sulle rilevazioni effettuate dal sito www.jobpricing.it con l’obiettivo di fornire indicazioni “su quali sono i territori dove un lavoratore può cogliere opportunità di crescita retributiva”. Da qui le buste paga nelle 5 province che si piazzano al di là di Pesaro e Ancona nella parte bassa della classifica.

Quindi chi sale e chi scende nelle Marche? Ancona precipita di 12 posizioni nella graduatria nazionale passando dalla 28esima del 2016 alla 40esima posizione del 2017 con 28.501 euro. Segue Macerata al 68° posto nella classifica nazionale (-8 posizioni dal 2016) con 26.693 euro. Perde ben 10 posizioni anche la provincia di Ascoli Piceno che si piazza al 78° posto con 26.117 euro. Fanalino di coda è Fermo che perde ancora terreno (-13 posizioni) e passa nella parte bassa della classifica all’85° posto con 25.616 euro.