Ascoli Piceno, 1 settembre 2017 - La prima unione civile di una coppia gay è stata celebrata questa mattina ad Ascoli Piceno, una cerimonia a dir poco movimentata.

Il rito si è svolto in assoluta serenità a Palazzo dei Capitani, poi gli sposi hanno brindato insieme con tutti gli invitati in un bar di piazza del Popolo. E qui sarebbe avvenuto lo spiacevole episodio: i novelli sposi sarebbero stati insultati e derisi, rendendo necessario anche l’intervento dei carabinieri.

In particolare l’autore degli insulti, sarebbe un uomo di una cinquantina secondo le testimonianze raccolte dai carabinieri.

Una donna ha indicato l’identità dell’uomo, che però nel frattempo si era allontanato. Il reato di ingiuria è stato depenalizzato, quindi contro di lui la coppia potrà procedere eventualmente solo in sede civile chiedendo un risarcimento danni.