Bologna, 10 agosto 2017 – Il weekend di Ferragosto è alle porte e a Bologna si continua a puntare sulla frescura delle arene notturne e sull'aria condizionata dei musei, tra film d'autore da gustare all'aperto e un'infornata agostana di arte e cultura, in attesa dello spritz serale.

La quotidiana maratona di celluloide partirà, venerdì 11, da piazza Maggiore, grazie a “Il ferroviere” di Pietro Germi, e proseguirà, all'Arena Puccini, con “Frantz”, di François Ozon, mentre il Cinema Gran Reno proporrà “Il medico di campagna”, di Thomas Lilti, e il cinema Tivoli punterà su “Vi presento Toni Erdmann”, di Maren Ade. Prima di crogiolarsi tra i drink del Guasto Village e la suggestiva terrazza del Teatro Comunale, meriterà poi una visita, a mezzogiorno, il “Quarto d'ora accademico” del Museo Civico Archeologico, con i suoi rapidi assaggi di pezzi della nostra storia. Quando il sole, insieme al caldo, inizierà a calare, arriverà invece il momento dello spettacolo itinerante “Ma che strega che sei”, con le guide di Vitruvio impegnate a svelare una Bologna occulta e medievale. In serata, infine, ci sarà spazio, al Battiferro, per il concerto del The Hip Hop Trio, inserito nella rassegna “Voci di donna”, mentre il Parco del Cavaticcio si presenterà in versione “Notte nera”, grazie al dj set di Edoardo Mazzilli, e al Ca' de Mandorli, come ogni venerdì, sarà “Cade pop”.

Sabato 12 arriveranno nuove occasioni per immergersi nel fatato mondo del cinema, a cominciare, in piazza Maggiore, da una nuova perla firmata Pietro Germi, “Un maledetto imbroglio”, in una serata in cui l'Arena Puccini preferirà “In guerra per amore”, di Pierfrancesco Diliberto, in arte Pif. Il Cinema Gran Reno, poi, preferirà la “Famiglia all'improvviso” di Hugo Gélin e il Tivoli vedrà in cartello la “Beata ignoranza” di Massimiliano Bruno. Sul fronte museale, invece, l'appuntamento da non mancare sarà, alle 17:30 al MAMbo, la visita guidata della mostra “Anime. Di luogo in luogo. Christian Boltanski”, prima che, in serata, le luci si accendano, al Parco di Villa Ghigi, sui progetti cinematografici del collettivo Studio Aspide, con le proiezioni del cortometraggio “Pannocchie” e del lungometraggio “Paglione”. Tra le escursioni vitruviane, inoltre, ricordiamo il tour guidato della Basilica di Santo Stefano e il nuovo trekking notturno a Monteveglio della serie “Borghi, calanchi ed echi millenari”, in cerca di stelle cadenti. La serata bolognese, infine, sarà ancora una volta animata dal Parco del Cavaticcio, con il “#TuttaDonna” diretto da La Funky, e dal Battiferro, che attende, in seno al Festival Klezmer & Dintorni, il concerto di Swingari. Anche in provincia, però, ci sarà da divertirsi, fra il "Suviana Reggae Party" in riva all'omonimo lago, le "Storie di eroi e burattini" di Monte San Pietro e il "We love party 2000" di Monghidoro.

La settima arte non andrà in vacanza nemmeno domenica 13, grazie al terzo capitolo della retrospettiva su Pietro Germi, con il capolavoro “Divorzio all'italiana” a illuminare il Crescentone, al recente “Lion - La strada verso casa”, di Garth Davis, in programma all'Arena Puccini e alla replica, al Tivoli, della “Beata ignoranza” di Massimiliano Bruno. A dominare le proposte pensate dall'istituzione Bologna Musei, poi, sarà ancora la figura di Christian Boltanski, grazie a un percorso che prenderà il via al Museo per la Memoria di Ustica e, attraverso il sacrario dei partigiani di piazza Nettuno, giungerà al MAMbo per una visita guidata della mostra. Tutto questo senza dimenticare le più visitate esposizioni cittadine, su tutte la “Bologna Experience” di Palazzo Belloni e la “Mirò: tra sogno e colore” di Palazzo Albergati. Se, inoltre, Vitruvio sarà pronta a portarci ancora una volta “Dalle vie d'acqua alla Via Lattea”, non mancheranno nemmeno le occasioni per ascoltare un po' di buona musica, dal nostalgico “Disco volante” del Parco del Cavaticcio al rilassato “Floppy Disco Open Air & Party” del Clandestino – Beer Garden.