Bologna, 21 dicembre 2017 – Ricerca di continuità nel gioco e nei risultati. La Virtus Segafredo continua a lavorare in vista della sfida di Santo Stefano con Varese, al Pala2A alle ore 15. Confronto fondamentale per la classifica e per il morale della squadra. Battuta domenica Torino, la formazione di Alessandro Ramagli deve cercare di confermarsi sia per quel che riguarda il gioco sia i risultati. L’obiettivo di accedere alla Coppa Italia è a portata di mano e la Virtus si giocherà l’approdo alla Final Eight, negli ultimi 4 turni del girone di andata.

Dopo la sfida a Santo Stefano contro Varese, Ndoja e compagni torneranno in campo il 2 gennaio al PalaDozza contro Pistoia, per poi affrontare in trasferta Avellino il 7 gennaio e chiudere il girone d’andata il 14 in casa contro Reggio Emilia. Intanto il 12° prossimo turno - spezzatino di campionato, prenderà il via sabato sera con Pistoia – Trento e Torino – Reggio Emilia, il resto del programma invece il 26, con il posticipo il 27 con Avellino – Capo d’Orlando.

Intanto la squadra continua ad allenarsi alla palestra Porelli in vista del confronto di Varese. Ieri si è fermato il playmaker Oliver Lafayette che ha rimediato una botta e ha saltato l’ultima parte dell’allenamento. La sua condizione sarà valutata giorno per giorno, ma sembra da escludere una sua assenza per la sfida di Varese. In campo con i lombardi ci sarà anche il playmaker americano, tanto discusso, ma altrettanto importante nell’economia del gioco delle V Nere. Sempre ieri sera si è svolta la cena di Natale di società e squadra, invitati speciali due tifosi estratti tra gli abbonati che hanno potuto vivere il momento conviviale assieme a dirigenti e giocatori.