Fano, 16 aprile 2017 - Furti e danneggiamenti negli orti per anziani di via Chiaruccia, nella frazione di Tre Ponti, a ridosso del cavalcavia dell’autostrada A 14. A denunciare le razzìe sono molti degli anziani assegnatari degli orti, che hanno lamentato il furto di attrezzi, utensili e ortaggi. Il segretario del comitato di gestione, Giuseppe Zanchetti, ha detto di aver denunciato i fatti al Comune. «Mi sono giunte segnalazioni in merito a diversi episodi – ha spiegato – e abbiamo invitato gli utenti a chiudere sempre il cancello di ingresso di sera. Tuttavia, lungo la recinzione, è possibile che qualche malintenzionato possa ugualmente aprirsi un varco e penetrare nell’area degli orti». Gli anziani lamentano in alcuni casi la forzatura dei lucchetti e l’asportazione di serbatoi per l’irrigazione, vanghe, zappette, cesoie ed altri utensili. Danni economici di piccola entità, ma che alla lunga hanno creato disagio e amarezza. I ladri agirebbero nottetempo, approfittando della zona di campagna disabitata, asportando dai piccoli appezzamenti di terreno tutto ciò che trovano e danneggiando le coltivazioni. Sono in tanti a invocare maggiori controlli dell’area, per non lasciare alla mercé di balordi e ladri il prodotto di tanti mesi di lavoro.

Nei mesi scorsi anche a Pesaro e dintorni si verificò un’improvvisa ondata di furti ai danni dei proprietari di piccoli appezzamenti di terreno coltivati ad orto. Ai carabinieri, nel mese di marzo, arrivarono denunce su denunce: da Villa Fastiggi, da Ginestreto, da Villa Ceccolini. Perlopiù si parlava di furti di borse lasciate nei capanni e conseguenti, cospicui prelievi al bancomat. Le indagini portarono all’arresto di due donne di 33 e 53 anni, e del loro ‘autista’ di 39. Tutti di etnia rom e residenti tra Ancona e Vercelli. Per i tre ladri proposto il foglio di via dal territorio comunale.