Fano, 12 gennaio 2018 - La scuola dell’infanzia Albero Azzurro e il raccordo Isolachenonc’è, confinanti (l’una si affaccia su via del Lavoro, l’altra su via del Ponte) sono rimaste chiuse per tre giorni. Da questa mattina il rientro a scuola dei bambini del raccordo: «Ieri pomeriggio sono stati avvisati tutti i genitori» assicura la dirigente dei Servizi educativi Gabriella Peroni. Gli alunni dell’Albero Azzurro, invece, dovranno aspettare fino a lunedì, a meno che non si verifichino inconvenienti tali da prolungare la chiusura per qualche altro giorno. In questo caso, però, Amministrazione comunale e scuola avrebbero già pronta una soluzione alternativa per accogliere comunque gli alunni.

L’emergenza è scattata nella mattina di martedì 9, nel pomeriggio è arrivata l’ordinanza del sindaco Massimo Seri: il provvedimento, ha stabilito la chiusura delle strutture scolastiche da mercoledì 10 ad oggi. La decisione di far rimanere a casa i giovani alunni è conseguente a una perdita di acqua che ha compromesso il funzionamento dell’impianto termico che riscalda le due strutture scolastiche di San Lazzaro. «Si è trattato di un danno importante – fa sapere Athos Salucci il dirigente scolastico della Gandiglio a cui appartiene l’Albero Azzurro – con lavori che hanno interessato i locali della scuola». Una perdita d’acqua accanto a un termosifone che, per essere bloccata, ha richiesto la rottura della pavimentazione della zona della refezione scolastica. Sarebbe stato impossibile intervenire con i bambini in classe per motivi di salubrità, sicurezza e incolumità e così il Comune ha deciso di emettere l’ordinanza di chiusura per consentire «l’intervento di straordinaria manutenzione».

«L’impianto – ricorda il preside Salucci – ha funzionato regolarmente nella giornata di lunedì (alla ripresa delle lezioni dopo la pausa natalizia ndr), i problemi si sono manifestati nella mattinata di martedì 9 anche se per quel giorno siamo riusciti a garantire il servizio». Poi nel pomeriggio l’ordinanza del sindaco di chiusura di entrambe le scuole. «Ci siamo subito mossi – assicura Salucci per informare, attraverso i nostri contatti, tutti i genitori». Nessuna particolare protesta: «Solo un padre – riferisce Salucci – mi ha fatto presente che alcuni genitori, per far fronte all’emergenza, hanno dovuto chiedere la ferie. Mi ha anche chiesto se era possibile recuperare i tre giorni di scuola rinunciando alle chiusure previste dall’istituto in aggiunta a quelle del calendario regionale. Non sono io a decidere, ma ho raccolto la sollecitazione che riferirò al Consiglio d’istituto». Risolto, anche un problema che si era manifestato a ottobre sempre all’Albero Azzurro nell’aula adibita a palestra (cedimento della pavimentazione) e diventato oggetto di un’interrogazione del centrodestra. L’Amministrazione fa presente che i lavori sono stati conclusi e l’aula riconsegnata.