Imola, 12 settembre 2017–Una violenta lite sfociata in rissa, i cui contorni però sono ancora tutti da definire. Al momento, l’unica certezza è la lesione alla mandibola riportata da un cittadino marocchino di 26 anni, residente a Imola. Teatro dell’episodio di sangue, avvenuto domenica sera intorno alle 20, è piazzale Leonardo da Vinci, verso via Antonio Pacinotti, nelle vicinanze di un locale pubblico. A due passi da viale Dante, a qualche centinaia di metri dall’area dove si svolge la festa nazionale del Pd.

Secondo una prima ricostruzione dei fatti, la lite sarebbe scoppiata per futili motivi tra il 26enne marocchino (forse in compagnia di un connazionale) e un paio di persone presumibilmente albanesi. Ma, a stretto giro, le grida si sono trasformate in calci e pugni, anche a causa dell’alcol consumato fino a poco prima. Sul posto, sono intervenuti una volante della polizia e, in supporto, i carabinieri della compagnia di Imola, oltre al 118 che ha trasportato il nordafricano all’ospedale Maggiore di Bologna per le cure necessarie..

Sul caso indagano gli agenti del commissariato imolese che, al momento, sono riusciti a risalire solo all’identità del 26enne ferito. Mancano all’appello, infatti, gli altri individui coinvolti nella rissa. Ai fini delle indagini, potrebbero risultare preziose le immagini delle telecamere di videosorveglianza che sono installate nell’area, e che ora i poliziotti stanno visionando con cura. Nel frattempo, sulla Rete alcuni residenti della zona lamentano le troppe, violenti liti finite alle mani andate in scena tra diverse etnie proprio nelle vicinanze di piazzale Leonardo da Vinci. Una situazione che, ormai, gli abitanti e gli esercenti pubblici non reggono più.