Modena, 7 gennaio 2018 - Uscito dalla camera iperbarica di Fidenza, dopo il trattamento sembrava fuori pericolo. Invece, col passare delle ore, le condizioni si sono aggravate tanto da rendere necessario il ricovero dell’anziano nel reparto di rianimazione di Baggiovara, insieme alla moglie. Sono gravissime le condizioni di entrambi i pensionati, lui 75 anni, lei 68 rimasti intossicati dal fumo nella loro abitazione di strada Pomposiana. Se venerdì mattina i pompieri non li avessero tratti in salvo repentinamente, sicuramente la situazione sarebbe degenerata poco dopo. Evidentemente il fumo inalato dalla coppia per qualche minuto ha creato danni importanti alle vie respiratorie con avvelenamento da ossido di carbonio - gas che si sprigiona durante gli incendi - ed inalazione polmonare di fumo. All’arrivo dei soccorsi, infatti, entrambi erano già sofferenti e accusavano malessere.

L’episodio, lo ricordiamo, è avvenuto intorno alle 9 di venerdì in un’abitazione di strada Pomposiana, appunto. Sono stati i vicini di casa dei coniugi ad avvisare i pompieri, notando fumo denso uscire dalle finestre dei pensionati, ma non vedendo la coppia uscire dallo stabile. Pare che un corto circuito, infatti, avesse provocato un incendio nel sottotetto e, probabilmente, marito e moglie, notando il fumo hanno provato inizialmente a risolvere da soli il problema.

Quel che è certo è che, grazie all’intervento dei vicini, pochi attimi dopo sia i pompieri che le ambulanze erano sul posto. I vigili del fuoco, protetti dalle maschere degli autorespiratori, sono entrati nell’abitazione, già invasa dal fmo. Repidamente gli uomini della caserma di strada Formigina hanno individuato la donna e, subito dopo il compagno. Gli anziani erano visibilmente stremati dal fumo e i pompieri hanno subito provveduto a portarli all’esterno, per poi affidarli alle cure dei sanitari del 118.

Mentre le condizioni della 68enne sono apparse subito serie, quelle del coniuge inizialmente non destavano particolari preoccupazioni tanto che l’uomo era stato dimesso dopo il trattamento a Fidenza. Le condizioni del 75enne, però, si sono aggravate col passare delle ore tanto che per l’uomo si è reso necessario il trasferimento nel reparto di rianimazione di Baggiovara. La prognosi dei coniugi per il momento è riservata.

Secondo gli accertamenti effettuati dai pompieri dopo il salvataggio della coppia, le fiamme si sarebbero originate nel sottotetto dell’abitazione, forse a causa di un corto circuito ma gli accertamenti sono ancora in corso. Il dolo è stato però escluso.

L’abitazione è rimasta seriamente danneggiata, in particolare a causa dell’ annerimento provocato dal fumo.