Sassuolo (Modena), 17 giugno 2016 - Un bimbo è morto durante il parto questa notte intorno alle 4 all'ospedale di Sassuolo. La madre di 38 anni, dopo nove mesi e 15 giorni di gravidanza, era stata ricoverata per forti dolori. A un certo punto i sanitari hanno deciso di sottoporla d'urgenza a un cesareo, ma non c'è stato nulla da fare, il bimbo è nato morto per soffocamento.

I familiari vogliono sporgere denuncia per capire come sono andate le cose, anche perché, come riferiscono, la donna si era presentata diverse volte in ospedale a causa dei dolori, ma una volta visitata era stata rimandata a casa. Le condizioni della donna sono buone. Dall'ospedale confermano quanto accaduto.  

La direzione dell'ospedale afferma che "tutte le manovre di rianimazione neonatale messe in atto dai sanitari purtroppo sono risultate vane. Dopo 25 minuti dalla nascita del neonato, i sanitari non
hanno potuto che constatarne il decesso". Si tratta di "un evento tragico che colpisce e addolora profondamente tutto il personale dell'ospedale, che partecipa al dolore dei familiari".

La direzione della struttura ospedaliera precisa che "la gravidanza della madre, arrivata alla 38esima settimana più tre giorni, si era svolta in modo regolare pur presentando alcune complicanze legate alla sua salute. La paziente è attualmente ricoverata e le sue condizioni non destano preoccupazioni. L'ospedale di Sassuolo - prosegue la nota - ha immediatamente attivato una valutazione del percorso clinico-assistenziale e, dalle prime ricostruzioni, risulta che siano state messe in atto tutte le procedure previste dal caso".

"Si precisa che la donna si era rivolta all'ospedale nei giorni precedenti al tragico evento per controlli di routine previsti per l'epoca gestazionale. In data 25 maggio 2016, inoltre, la donna era stata ricoverata a seguito di un accesso in Pronto Soccorso per problemi pressori", conclude la nota.