Cervia (Ravenna), 11 febbraio  2018 – Porto abusivo d’armi e lesioni personali. Questi i reati per cui i Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Cervia – Milano Marittima, hanno arrestato in flagranza di reato Q.P., un ventenne, nel corso di servizio perlustrativo per il controllo del territorio.

A dare l’allarme al 112 verso le 2 di sabato mattina è stata una prostituta che ha segnalato di essere stata avvicinata da un furgone con targa straniera nell’area di servizio in cui si trovava. A bordo del mezzo c’erano tre giovani di età compresa tra i 19 e i 24 anni, e uno di loro l’ha aggredita spruzzandole uno spray urticante sul volto. Poi il furgone si è dileguato in direzione sud lungo la SS16.

Le ricerche sono immediatamente cominciate e hanno portato a rintracciare il veicolo dei fuggitivi all’altezza di via Martiri Fantini. Q.P. è stato riconosciuto dalla prostituta come l’aggressore. Durante la perquisizione, il giovane è stato trovato in possesso di una bomboletta spray di tipo illegale a base di ‘cs’, un aggressivo chimico, pertanto catalogato a tutti gli effetti come arma propria. La legge, in questi casi, prevede l’arresto obbligatorio in flagranza. La vittima, colpita di striscio, ha riportato lesioni guaribili in un giorno.