Ravenna, 14 aprile 2017 - Un malore o un mix letale di sostanze. O il primo come conseguenza del secondo. Sono le ipotesi formulate circa il decesso di Matteo Ballardini, il 19enne lughese il cui corpo è stato trovato verso le 17 di ieri all’interno di una vettura nei pressi di via San Giorgio a Lugo. Dubbi che solo l’autopsia potrà sgombrare.

Nel frattempo il Pm Marilù Gattelli, che coordina le indagini dei carabinieri, ha iscritto sul registro degli indagati i nomi di quattro amici, tutti all’incirca coetanei della vittima, con l’accusa di omissione di soccorso. Più un quinto, che non faceva parte del gruppo, ma che deve rispondere di spaccio e di morte come conseguenza di altro reato per avere presumibilmente ceduto la dose letale.