Adriatico Mediterraneo, in scena una performance con Antinori e Baldini

Il festival si avvia alla conclusione e oggi propone alla Mole appuntamenti di rilievo: nel pomeriggio un incontro sulle neuroscienze con il prof Vallortigara

Penultima giornata per il ‘Festival Adriatico Mediterraneo’ di Ancona, che anche oggi alternerà musica e parole. Si inizia alle ore 16.30 (ingresso 5 euro) alla Mole Vanvitelliana con ‘Walkabout’, performance di e con Sonia Antinori e Lucia Baldini, in cui il viaggio, come sequenza di non luoghi e territori che si attraversano in un processo di conoscenza, disegna una nuova mappa culturale. Parole e immagini creano analogie fra i luoghi narrati e il percorso interiore del viaggiatore. I racconti da Burkina Faso, Messico, Cuba e Australia trascendono l’esperienza biografica e schiudono gli orizzonti complessi della contemporaneità. Sempre alla Mole (18.30) è previsto l’incontro con il professor Giorgio Vallortigara, docente di Neuroscienze all’Università di Trento, autore di libri divulgativi e di più di 300 articoli scientifici, il quale intende mostrare come la relazione tra complessità della vita mentale e struttura del sistema nervoso sia diversa da quello che si ritiene comunemente. In serata (21.30, ingresso 10 euro) nella corte della Mole si potrà ascoltare il concerto ‘Amoreamaro’ di Maria Mazzotta, una delle personalità musicali tra le più emblematiche del Sud Italia, già nel Canzoniere Grecanico Salentino, arrivata ad essere una delle voci più apprezzate del panorama della world music europea. La sua è un’intensa e appassionata riflessione, da un punto di vista femminile, sui vari volti dell’amore: da quello grande, disperato e tenerissimo a quello malato, possessivo e abusato. ‘Amoreamaro’ è anche il titolo del suo ultimo, molto apprezzato, album.

Domani mattina (ore 6) il protagonista del concerto all’alba sulla scalinata del Passetto sarà il chitarrista Laurent Boutros, con il suo ‘Viaggio in Armenia’, che trasporta gli ascoltatori nella suggestiva cultura musicale popolare caucasica.